Versione di Cicerone

Paragrafo 27

Traduzione della Versione "Paragrafo 27" di Cicerone

Testo Originale Latino

Interim cum sciret Clodius--neque enim erat difficile scire--iter sollemne legitimum necessarium ante diem xiii. Kalendas Februarias Miloni esse Lanuvium ad flaminem prodendum [quod erat dictator Lanuvi Milo] Roma subito ipse profectus pridie est ut ante suum fundum quod re intellectum est Miloni insidias conlocaret. Atque ita profectus est ut contionem turbulentam in qua eius furor desideratus est [quae illo ipso die habita est] relinqueret quam nisi obire facinoris locum tempusque voluisset numquam reliquisset.

Traduzione Italiana

Nel frattempo Clodio era giunto a conoscenza (e non era difficile conoscerlo) dell'itinerario solenne, fissato in modo obbligatorio dalla legge al 18 gennaio, che Milone avrebbe dovuto percorrere per recarsi a Lanuvio, nella sua qualità di dittatore di quella città, per la nomina di un flamine. All'improvviso lasciò Roma il giorno prima per organizzare l'imboscata davanti a un suo fondo, come si è capito dai fatti, e se ne andò anche a costo di abbandonare un'assemblea tempestosa che si teneva proprio quel giorno, in cui si senti la mancanza dei suoi scoppi di follia; non l'avrebbe mai lasciata se non avesse voluto cogliere il luogo e il tempo opportuni al delitto.