Versione di Cicerone

Libro 5, Paragrafo 32

Traduzione della Versione "Libro 5, Paragrafo 32" di Cicerone

Testo Originale Latino

Xenocrates cum legati ab Alexandro quinquaginta ei talenta attulissent quac erat pecunia temporibus illis Athenis praesertim maxuma abduxit legatos ad cenam in Academiam; is apposuit tantum quod satis esset nullo apparatu. Cum postridie rogarent cum cui numerari iuberet 'Quid? vos hesterna' inquit 'cenula non intellexistis me pecunia non egere?' Quos cum tristioris vidisset triginta minas accepit ne aspernari regis liberalitatem videretur. At vero Diogenes liberius ut Cynicus Alexandro roganti ut diceret si quid opus esset 'Nunc quidem paululum' inquit 'a sole.' Offecerat videlicet apricanti. Et hic quidem disputare solebat quanto regem Persarum vita fortunaque superaret; sibi nihil deesse illi nihil satis umquam fore; se eius voluptates non desiderare quibus numquam satiari ille posset suas eum consequi nullo modo posse.

Traduzione Italiana

Senocrate, dopo che degli ambasciatori (mandati) da Alessandro gli avevano portato cinquanta talenti, che erano una grandissima somma di denaro a quei tempi, soprattutto ad Atene, condusse gli ambasciatori a cena nell’Accademia; fece servire loro quel tanto che era sufficiente, senza alcuna ricercatezza. Poiché il giorno dopo gli chiedevano a chi volesse che fosse versato il denaro, disse: “Come? Voi dalla cenetta di ieri non avete capito che io non ho bisogno di denaro?”. Ma avendoli visti piuttosto tristi, accettò trenta mine, per non dare l’impressione di disprezzare la generosità del re.