Versione di Cicerone

Tusculanae disputationes, I, 49

Traduzione della Versione "Tusculanae disputationes, I, 49" di Cicerone

Testo Originale Latino

Praeclarum autem nescio quid adepti sunt, quod didicerunt se, cum tempus mortis venisset, totos esse perituros. quod ut ita sit - nihil enim pugno -, quid habet ista res aut laetabile aut gloriosum? Nec tamen mihi sane quicquam occurrit, cur non Pythagorae sit et Platonis vera sententia. ut enim rationem Plato nullam adferret - vide, quid homini tribuam -, ipsa auctoritate me frangeret: tot autem rationes attulit, ut velle ceteris, sibi certe persuasisse videatur.

Traduzione Italiana

Non so poi quale straordinaria scoperta abbiano fatto con l'imparare che, una volta giunto il momento della morte, di loro non resterà nulla. Anche se fosse così, e io non ho nulla in contrario, che c'è da rallegrarsi o da essere fieri? Eppoi io non vedo nessuna ragione per cui la tesi di Pitagora e di Platone non dovrebbe essere vera. Anche se Platone non portasse nessuna prova, nota la stima che ho per lui, basterebbe il suo prestigio a soggiogarmi: ma ne ha portate tante da far vedere chiaramente che, se voleva convincere gli altri, era già ben persuaso per conto proprio.