Versione di Cicerone

Le bellezze di Siracusa

Traduzione della Versione "Le bellezze di Siracusa" di Cicerone

Testo Originale Latino

Urbem Syracusas maximam esse Graecarum , pulcherrimam omnium saepe audistis. Est ita ut dicitur. Ea tanta est urbs ut ex quattuor urbibus maximis constare dicatur. Quarum una est ea quae Insula appellatur, in qua domus est quae Hieronis regis fuit, qua praetores uti solent. In ea sunt aedessacrae complures, sed duae quae longe ceteris antecellunt, altera Dianae et altera Minervae. In hac insula extrema est fons aquae dulcis, cui nomen Arethusa est, incredibili magnitudine, plenissimus piscium. Syracusis autem altera urbs est cui nomen achradina est. In qua forum maximum, pulcherrimae porticus, ornatissimum prytanium, amplissima curia est templumque egregium Iovis Olympii. Tertia est urbs quae , quod in ea parte Fortunae fanum antiquum fuit, Tycha nominata est. In qua gymnasium amplissimum est et complures aedes sacrae, coliturque ea pars et habitatur frequentissime. Quarta autem est quae, quia postrema aedificata est , Neapolis nominatur. In ea theatrum maximum, praeterea duo templa sunt egregia, Cereris unum, alterum Liberae , signumque Apollinis qui Temenites vocatur, pulcherrimum et maximum.

Traduzione Italiana

Voi avete spesso udito che la città di Siracusa è stata la più grande delle città greche, la più bella di tutte. Essa è una città così grande che è formata da quattro ampissime città, una delle quali è un'isola. In essa vi sono parecchi templi, ma due tali che superano di gran lunga gli altri, uno di Diana e il secondo, che fu ornatissimo prima della venuta di Verre, dedicato a Minerva. In quest'isola vi è una sorgente di acqua dolce, che ha nome Aretusa, di straordinaria estensione, pienissima di pesci. La seconda città è Acradina, nella quale vi sono una ampissima piazza, dei bellissimi porti, un ornatissimo pritaneo e una grandissima curia. La terza è la città che è chiamata Tica, perché in quella parte vi fu l'antico tempio della Fortuna. La quarta è invece quella che è chiamata Napoli, perché i Siracusani la costruirono per ultima.