Versione di Cicerone

Una truffa

Traduzione della Versione "Una truffa" di Cicerone

Testo Originale Latino

Una truffa Quod si vituperandi qui reticuerunt quid de iis existimandum est qui orationis vanitatem adhibuerunt? C. Canius eques Romanus nec infacetus et satis litteratus cum se Syracusas otiandi ut ipse dicere solebat non negotiandi causa contulisset dictitabat se hortulos aliquos emere velle quo invitare amicos et ubi se oblectare sine interpellatoribus posset. Quod cum percrebuisset Pythius ei quidam qui argentariam faceret Syracusis venales quidem se hortos non habere sed licere uti Canio si vellet ut suis et simul ad cenam hominem in hortos invitavit in posterum diem. Cum ille promisisset tum Pythius qui esset ut argentarius apud omnes ordines gratiosus piscatores ad se convocavit et ab iis petivit ut ante suos hortulos postridie piscarentur dixitque quid eos facere vellet. Ad cenam tempori venit Canius; opipare a Pythio adparatum convivium cumbarum ante oculos multitudo pro se quisque quod ceperat adferebat; ante pedes Pythii pisces abiciebantur.

Traduzione Italiana

Una truffa E se è da biasimare chi tace, come devono esser giudicati quanti sono soliti servirsi di discorsi ingannevoli? Gaio Genio, cavaliere romano, uomo non privo di spirito e abbastanza colto, essendosi recato a Siracusa per trascorrervi un periodo di vacanza, come lui stesso era solito dire, e non per e oncludere af fari, andava dicendo di voler comprare una villetta dove potesse invitare gli amici e divertirsi senza essere disturbato da importuni. Essendosi diffusa la notizia, un certo Pizio, banchiere a Siracusa, gli disse che non aveva ville da vendere, ma che Canio poteva servirsi della sua, se voleva, come se gli appartenesse, e contemporaneamente lo invitò a cena in villa per il giorno dopo. Avendogli Canio promesso di venire, Pizio che, in qualità di banchiere, godeva credito presso tutte le categorie di persone, chiamò a sé dei pescatori, chiese loro di pescare il giorno dopo di fronte alla sua villa, e disse quanto desiderava che essi facessero. Canio venne puntualmente per la cena; il banchetto era stato imbandito puntualmente da Pizio, davanti agli occhi si presentava una moltitudine di barche e ogni pescatore portava, a turno, ciò che aveva preso; i pesci venivano gettati ai piedi di Pizio.