Versione di Cicerone

Libro 4, Par. 2

Traduzione della Versione "Libro 4, Par. 2" di Cicerone

Testo Originale Latino

Magnum videor dicere: attendite etiam quem ad modum dicam. Non enim verbi neque criminis augendi causa complector omnia: cum dico nihil istum eius modi rerum in tota provincia reliquisse, Latine me scitote, non accusatorie loqui. Etiam planius: nihil in aedibus cuiusquam, ne in quidem, nihil in locis communibus, ne in fanis quidem, nihil apud Siculum, nihil apud civem Romanum, denique nihil istum, quod ad oculos animumque acciderit, neque privati neque publici neque profani neque sacri tota in Sicilia reliquisse.

Traduzione Italiana

Sembra un’esagerazione la mia; fate bene attenzione anche alle parole stesse che pronuncio; ché non è già per usare un’espressione forte né per aggravare l’accusa che dichiaro di non fare nessuna eccezione. Quando affermo che Verre non ha lasciato all’intera provincia nessuno di questi oggetti d’arte, sappiate che adopero le parole nel senso letterale, non con l’esagerazione degli accusatori. Sarò ancora più esplicito: non ha lasciato nulla in casa di nessuno e nemmeno nelle città, nulla nei luoghi pubblici e nemmeno nei santuari, nulla in casa di un siciliano e nemmeno di un cittadino romano; per concludere, di tutto ciò che gli capitasse davanti agli occhi e suscitasse la sua bramosia, fosse un oggetto d’arte privato o pubblico, profano o sacro, costui non ha lasciato nell’intera Sicilia assolutamente nulla.