Versione di Cornelio Nepote

Pelopida

Traduzione della Versione "Pelopida " di Cornelio Nepote

Testo Originale Latino

Pelopidas Thebanus, dum Athenis exsulat, rem memoria dignam gerit. Nam vesperi, cum duodecim adulescentibus, venatorum habitu Athenis fugit et silentio noctis Thebas pervenit in domum Charonis, callidi consilii participis. Exsulum adventum magistratus Thebanorum inter epulas comperiunt, sed, vino dediti, nuntium neglegunt: immo Archias, summus inter civitatis principes, epistulam, quae exsulum consilia perscribebat, pulvinio subicit ex exclamat;<< In castrinum res severas differo>>. Itaque Pelopidas magistratus obtrucant, vulgum ad arma et libertatem concitat, praesidium Lacedaemonum ex arce deicit.

Traduzione Italiana

Il tebano Pelopida, mentre esula ad atene, farò una cosa degna di memoria. Infatti di sera, con dodici giovani, con abito di cacciatori fugge da atene e nel silenzio della notte giunge a tebe in casa di Carone, partecipe del furbo piano. L'esule all'arrivo dei magistrati tebeni compare tra i pranzi, ma dediti al vino, mette una lettera sotto il cuscino, che aveva scritto i piani degli esuli e esclama: porto cose severe in castrinum). Così Pelopida stronca i magistrati, spinge il volgo alle armi e alla libertà, getta dalla rocca il presidio dei lacedemoni.