Versione di Cornelio Nepote

Paragrafo 3

Traduzione della Versione "Paragrafo 3" di Cornelio Nepote

Testo Originale Latino

Erant eo tempore Athenis duae factiones quarum una populi causam agebat altera optimatium. In hac erat Phocion et Demetrius Phalereus. Harum utraque Macedonum patrociniis utebatur. Nam populares Polyperchonti favebant optimates cum Cassandro sentiebant. Interim a Polyperchonte Cassandrus Macedonia pulsus est. Quo facto populus superior factus statim duces adversariae factionis capitis damnatos patria propulit in his Phocionem et Demetrium Phalereum deque ea re legatos ad Polyperchontem misit qui ab eo peterent ut sua decreta confirmaret. Huc eodem profectus est Phocion. Quo ut venit causam: apud Philippum regem verbo re ipsa quidem apud Polyperchontem iussus est dicere: namque is tum regis rebus praeerat. Hic ab Agnone accusatus quod Piraeum Nicanori prodidisset ex consilii sententia in custodiam coniectus Athenas deductus est ut ibi de eo legibus fieret iudicium.

Traduzione Italiana

Due partiti erano in quel tempo ad Atene: uno propugnava gli interessi del popolo, l'altro quelli dei nobili. Focione e Demetrio Falereo appartenevano a questo secondo. Entrambi, però, si appoggiavano ai Macedoni; i democratici tenevano per Poliperconte, gli oligarchici per Cassandro. . Questi, però, nel frattempo venne cacciato dalla Macedonia da Poliperconte. Il partito popolare, reso piu' forte da questo fatto, espulse subito dalla città i capi del partito avversario, tra cui Focione e Demetrio Falereo, e mandò in proposito messi a Poliperconte, per chiedergli la convalida del proprio decreto. . Vi andò anche Focione che, non appena arrivato, ricevette l'ordine di difendersi: formalmente davanti al re Filippo, in realtà davanti a Poliperconte, che allora sovrintendeva agli affari della monarchia. . Accusato da Agnone di tradimento per aver consegnato il Pireo a Nicanore, per sentenza del consiglio reale fu messo in stato di arresto e mandato ad Atene perchè gli fosse fatto il processo legale.