Versione di Eutropio

Breviarium, II, 9

Traduzione della Versione "Breviarium, II, 9" di Eutropio

Testo Originale Latino

Postea Samnites Romanos T. Veturio et Sp. Postumio consulibus ingenti dedecore vicerunt et sub iugum miserunt. Pax tamen a senatu et populo soluta est, quae cum ipsis propter necessitatem facta fuerat. Postea Samnites victi sunt a L. Papirio consule, septem milia eorum sub iugum missa. Papirius primus de Samnitibus triumphavit. Eo tempore Ap. Claudius censor aquam Claudiam induxit et viam Appiam stravit. Samnites reparato bello Q. Fabium Maximum vicerunt tribus milibus hominum occisis. Postea, cum pater ei Fabius Maximus legatus datus fuisset, et Samnitas vicit et plurima ipsorum oppida cepit. Deinde P. Cornelius Rufinus M. Curius Dentatus, ambo consules, contra Samnitas missi ingentibus proeliis eos confecere. Tum bellum cum Samnitibus per annos quadraginta novem actum sustulerunt. Neque ullus hostis fuit intra Italiam, qui Romanam virtutem magis fatigaverit.

Traduzione Italiana

Poi i Sanniti sotto i consoli Veturio e Postumio vinsero i Romani con grande disonore e li mandarono sotto il giogo. Tuttavia dal Senato e dal popolo fu infranta la pace, che era stata stipulata con gli stessi per necessità. Poi i Sanniti vennero sconfitti dal console L.Papirio e settemila di loro vennero mandati sotto il giogo. Papirio per primo trionfò sui Sanniti. In quel tempo il censore Appio Claudio portò l'acqua Claudia (acquedotto di Claudio) e lastricò la via Appia. I Sanniti, rinnovata la guerra, vinsero Q.Fabio Massimo dopo aver ucciso tremila uomini. Poi, essendogli stato dato come ..?.. il padre Fabio Massimo, sia vinse i Sanniti sia prese moltissime loro città. Allora P.Cornelio Rufino e M.Curio Dentato, entrambi consoli, inviati contro i Sanniti li annientarono in importanti combattimenti. Allora terminarono la guerra durata per quarantanove anni contro i Sanniti. Non ci fu nessun altro nemico dentro i confini dell'Italia che mise a così dura prova il valore dei Romani.