Versione di Eutropio

Moderazione e umiltà di Traiano

Traduzione della Versione "Moderazione e umiltà di Traiano" di Eutropio

Testo Originale Latino

Ulpius Crinitus Traianus gloriam militarem civilitate et moderatione superavitRomae et per provincias aequalem se omnibus exhibensamicos frequentansconvivia cum iis indiscreta vicissim habenssaepe in vehiculis eorum sedensnullum senatorem laedensnihil iniusti ad augendum fiscum agensliberalis in cunctospublice privatimque ditans omnes et honoribus augensper orbem terrarum aedificans multaimmunitates civitatibus tribuensomnia tranquille et placide agens. Omnes censent ob haec eum per orbem terrarum deo proximum putatum esseomnemque venerationem meruisse et vivum et mortuum.

Traduzione Italiana

Traiano superò la gloria militare in moderazione e civiltà, presentando se stesso a tutti a Roma e per le province come un eguale (sullo stesso ceto), frequentando gli amici, tenendo banchetti indiscretti con quelli, spesso sedendosi nei loro veicoli, offendendo nessun senatore, non facendo cose ingiuste per aumentare le finanze, edificando molte cose in ogni luogo, assegnando ai cittadini le immunità, facendo ogni cosa tranquillamente e placidamente. Tutti credono che a causa di queste cose quello sia stato considerato in tutta la terra simile a un dio e che abbia meritato ogni tipo di venerazione sia da vivo che da morto.