Versione di Fedro

Libro 1, Favola 14

Traduzione della Versione "Libro 1, Favola 14" di Fedro

Testo Originale Latino

Malus cum sutor inopia deperditus medicinam ignoto facere coepisset loco et venditaret falso antidotum nomine, verbosis adquisivit sibi famam strophis. Hic cum iaceret morbo confectus gravi rex urbis, eius experiendi gratia scyphum poposcit: fusa dein simulans aqua illius se miscere antidoto toxicum, combibere iussit ipsum, posito praemio. Timore mortis ille tum confessus est, non artis ulla medicum se prudentia, verum stupore vulgi, factum nobilem. Rex advocata contione haec edidit: 'Quantae putatis esse vos dementiae, qui capita vestra non dubitatis credere, cui calceandos nemo commisit pedes?' Hoc pertinere vere ad illos dixerim, quorum stultitia quaestus impudentiae est.

Traduzione Italiana

Un cattivo ciabattino rovinato dalla miseria avendo cominciato ad esercitare la medicina in una località sconosciuta e spacciando con falso nome un contravveleno, si acquistò fama con verbosi raggiri. Allora poiché il re della città giaceva colpito da grave malattia, per sperimentarlo (ne) chiese un bicchiere: poi, versata acqua, fingendo di mescolare veleno al suo contravveleno, promesso un premio, ordinò che lo bevesse. Per timore della morte egli allora confessò, che era diventato un medico famoso, non per qualche conoscenza dell’arte, ma per lo stupore del volgo. Il re convocata una assemblea dichiarò queste cose: ”Di quale grave stoltezza pensate voi di essere, che non dubitare di affidare le vostre teste, a chi nessuno affidò i piedi da calzare?” Direi che questo veramente si addice a coloro, la cui stoltezza è un affare per la spudoratezza.