Versione di Fedro

Libro 1, Favola 4

Traduzione della Versione "Libro 1, Favola 4" di Fedro

Testo Originale Latino

Amittit merito proprium qui alienum adpetit. Canis, per fluvium carnem cum ferret, natans lympharum in speculo vidit simulacrum suum, aliamque praedam ab altero ferri putans eripere voluit; verum decepta aviditas et quem tenebat ore dimisit cibum, nec quem petebat adeo potuit tangere.

Traduzione Italiana

Perde meritatamente il proprio chi aspira all’altrui (bene). Un cane, mentre portava la carne sul fiume, nuotando vide nello specchio delle acque la sua immagine, e pensando che una diversa preda fosse portata da un altro volle strapparla; ma l’avidità ingannata perse anche il cibo che teneva con la bocca, né poté così toccare quello che bramava.