Versione di Fedro

Libro 1, Favola 6

Traduzione della Versione "Libro 1, Favola 6" di Fedro

Testo Originale Latino

Vicini furis celebres vidit nuptias Aesopus, et continuo narrare incipit. Uxorem quondam Sol cum vellet ducere, clamorem ranae sustulere ad sidera. Convicio permotus quaerit Iuppiter causam querellae. Quaedam tum stagni incola 'Nunc' inquit 'omnes unus exurit lacus, cogitque miseras arida sede emori. Quidnam futurum est si crearit liberos?'

Traduzione Italiana

Esopo vide le nozze affollate di un vicino ladro, e subito comincia a raccontare. Una volta volendo il Sole prendere moglie, le rane alzarono un grido alle stelle. Sorpreso dallo schiamazzo Giove chiede la causa del lamento. Allora una abitante dello stagno ”Ora, disse, uno solo brucia tutti i laghi, e costringe le misere a morire per la dimora arida. Cosa mai sta per capitare se avrà generato figli?”