Versione di Fedro

Libro 2 - Favola 8

Traduzione della Versione "Libro 2 - Favola 8" di Fedro

Testo Originale Latino

Cervus nemorosis excitatus latibulis, ut venatorum effugeret instantem necem, caeco timore proximam villam petit, ut opportuno se bovili condidit. Hic bos latenti 'Quidnam voluisti tibi, infelix, ultro qui ad necem cucurreris? At ille supplex 'Vos modo, inquit 'parcite: occasione rursus erumpam data'. spatium diei noctis excipiunt vices; frondem bubulcus adfert, nil adeo videt: eunt subinde et redeunt omnes rustici, nemo animadvertit: transit etiam vilicus, nec ille quicquam sentit. tum gaudens ferus bubus quietis agere coepit gratias, hospitium adverso quod praestiterint tempore. Respondit unus 'Salvum te cupimus quidem, sed, ille qui oculos centum habet si venerit, magno in periclo vita vertetur tua'. haec inter ipse dominus a cena redit; et, quia corruptos viderat nuper boves, accedit ad praesaepe: 'Cur frondis parum est? Stramenta desunt. tollere haec aranea quantum est laboris?' dum scrutatur singula, cervi quoque alta conspicatur cornua; quem convocata iubet occidi familia, praedamque tollit. Haec significat fabula dominum videre plurimum in rebus suis.

Traduzione Italiana

Un cervo stanato dalle tane boscose, per sfuggire l’incombente strage dei cacciatori, con cieca paura si dirige alla fattoria vicina, dove si nascose in una stalla opportuna. Allora un bue al latitante”Cosa mai volesti per te, disgraziato, che spontaneamente sei corso alla strage? Ma lui supplice: “Voi adesso, disse, risparmiatemi: offertasi l’ occasione di nuovo uscirò”. Al giorno dà spazio alla notte (libera) ; il bovaro porta il fogliame, però non vede nulla; vanno e vengono di seguito tutti i contadini, nessuno s’accorge: passa anche il fattore, neppure lui sente qualcosa. Allora contento il selvatico cominciò a render grazie ai buoi quieti, per aver data ospitalità in situazione sfavorevole. Uno rispose: “Ti desideriamo senz’altro salvo, ma, se sarà venuto chi ha cento occhi, la tua vita si volgerà in grave rischio.”. Intanto il padrone in persona ritorna dalla cena; e poiché aveva visto i buoi disordinati, si avvicina alla greppia: “Perché c’è poco fogliame?” Mancano le lettiere. Togliere queste ragnatele quanto c’è di fatica?” Mentre scruta ogni cosa, vede anche le alte corna del cervo; che, chiamata la servitù, ordina sia ucciso, e prende la preda. Questa favola significa che il padrone nelle sue cose vede moltissimo.