Versione di Giustino

Antichi re dell'Epiro

Traduzione della Versione "Antichi re dell'Epiro" di Giustino

Testo Originale Latino

nunc, quoniam ad Epiri mentionem veni, de origine regni illius pauca narranda esse mihi videntur. Primi in ea regione Molosse regnavisse traduntur. Postea Pyrrhus, Achillis filius, in his locis consedit. Sed hic, cum in templum Iovis venisset, Lanassam, nepotem Herculis, rapuit et violavit; brevique post tempore insidiis Orestae, filii Agamemnonis, Delphis, inter altaria dei, interiit. Successor huic Pielus filis fuisse fertur. Deinde regnum ad Arrybam descendit. Huius filius Neoptolemus fuit, ex quo nati sunt Olympias, mater Alexandri Magni, et Alexander, qui post eam tenuit Epirum et in Italia, in Brutiis, interiit. Traditum est post eius mortem fratrem Aeacidam in regnum successisse, qui, in exilium actus, pyrrhum filium bimum in regno reliquit.

Traduzione Italiana

ora, dopo che sono giunto all'oceano dell'Epiro, mi sembra che si devono narrare poche parole sull'origine di quel regno. si dice che per primo in quella regione regnò malosso. Pirro, figlio di Achille, dopo si stabilì in quel luogo. ma questo, essendo arrivato nel tempio di Giove, rapì e oltraggiò Lanassa, nipote di Ercole; e dopo poco tempo si insediò Oreste, figlio di Agamennone, a Delfi, morì tra gli altari degli dei. si dice che il successore di questo fosse il figlio Peleo. poi salì al potere Arrybe. suo figlio fu Neottolenno, dal quale nacquero Olimpia, madre di Alessandro Magno, e Alessandro che dopo quello tenne l'Epiro e in italia, a bruzii, morì. si tramanda che dopo la sua morte, il fratello Eacide salì al trono, che finito in esilio, Pirro lasciò il regno al figlio di due anni