Versione di Igino

Antigone

Traduzione della Versione "Antigone" di Igino

Testo Originale Latino

[1] Creon Menoecei filius edixit ne quis Polynicen aut qui una venerunt sepulturae traderet, quod patriam oppugnatum venerint; Antigona soror et Argia coniunx clan noctu Plynicis corpus sublatum in eadem pyra qua Eteocles sepultus est imposuerat. [2] Quae cum a custodibus deprehensae essent, Argia profugit, Antigona ad regem est perduta; ille eam Haemoni filio cuius sponsa fuerat dedit interficienda. [3] Haemon amore captus patris imperium neglexit et Antigonam ad pastores demandavit, ementitusque est se eam interficisse. [4] Quae cum filium procreasset et ad puberem aetatem venisset, Thebas ad ludos venit ; hunc Creon rex, quod ex draconteo genere omnes in corpore insigne habebant, cognovit. [5] Cum Hercules pro Haemone deprecaretur ut ei ignosceret, non impetravit ; Haemon se et Antigonam coniugem interfecit.

Traduzione Italiana

[1] Creonte figlio di Menelao fece un bando affinché nessuno seppellisse Polinice o coloro che erano venuti insieme, perché era venuto per espugnare la patria; la sorella Antigone e la cognata Argia di nascosto di notte sollevarono il corpo di Polinice e lo posero nella stessa pira in cui fu sepolto Eteocle. [2] E quelle essendo state colte sul fatto dai custodi, Argia fuggì, Antigone fu condotta dal re. Questi la diede da uccidere al figlio Emone, al quale fu promessa in matrimonio. [3] Emone preso dall’amore trascurò l’ordine del padre e affidò Antigone ai pastori e mentì, dicendo di averla uccisa. [4] E lei quando gli diede un figlio e giunse ad un’età adulta, andò a Tebe per i giochi; il re Creonte, poiché tutti della stirpe del drago avevano un segno nel corpo, lo riconobbe. [5] Benché Ercole pregasse per Emone affinché lo perdonasse, non raggiunse l’intento. Emone uccise sé stesso e sua moglie Antigone.