Versione di Igino

Giove signore del mondo

Traduzione della Versione "Giove signore del mondo" di Igino

Testo Originale Latino

Postquam Iuppiter adolevit, Saturnum patrem de caelo praecipitavit et fratribus sororibusque ab eo devoratis vitam restituit. Eorum auxilio postea asperum bellum contra Saturnum et Titanes gessit quoad victor evasit. Tum Saturnus cum Titanibus in tenebrosum Tartarum deiectus est Iuppierque totius orbis imperium obtinuit, quod cum fratribus divisit: maris regnum Neptuno, inferorum sedem Plutoni, caelum autem sibi attribuit; terra communis possessio fuit. Sub Iovis imperio homines aetatem argenteam degerunt, qua non, ut antea, ver aeternum habuerunt, sed quattuor tempora, ver, aestatem, autumnum, hiemem cognoverunt. Tum primum agri ab hominibus culti sunt.

Traduzione Italiana

Dopo che Giove ebbe raggiunto l'età maggiore, precipitò il padre Saturno dal cielo e restituì la vita ai fratelli e alle sorelle divorati da questo. Dopo, con il loro aiuto, combattè una guerra contro Saturno e i Titani fin quando non ne uscì vincitore. Allora Saturno con i Titani fu precipitato nell'oscuro Tartaro e Giove ottenne il dominio completo della terra che divise con i (suoi) fratelli: assegnò il regno degli abissi(del mare) a Nettuno, il trono degli inferi a Plutone, mentre il cielo a se stesso; la terra fu di comune possesso. Sotto il dominio di Giove gli uomini vissero l'età d'argento, nella quale non ebbero, come prima, la primavera eterna, ma conobbero quattro stagioni: la primavera, l'estate, l'autunno e l'inverno. Allora, per la prima volta, i campi furono coltivati dagli uomini.