Versione di Igino

Metamorfosi di Scilla

Traduzione della Versione "Metamorfosi di Scilla" di Igino

Testo Originale Latino

Minos,Cretensium rex,cum copiis suis litora Argolidis.antiquae Graeciae regionis,vastavit et urbem Megaram obsidione circumdedit.Megarensium potestatem detinebat tum Nisus:ille in capite,inter canos capillos,crinem purpureum habebat,pignus perpetuitatis regni sui.Nam antiquo tempore apollinis oraculum promiserat,donec in capite crinis mansisset,eum regnum esse servaturum.Scylla autem,Nisi filia,Minoem cum vidit hostium regem sub moeniis pugnantem contra cives suos,immoderato amore statim flagravit:tandem non dubitavit ei victoriam donare,patrem patriamque una prodens.Crinem patri in somno recumbenti recidit,per hostilia castra ad Minois tabernaculum cucurrit,Cretensium regi suum patefecit amorem et sicut pignus crinem fatalem monstravit.at horribile delictum Minois animum terret:non solum e suo conspectu amentem virginem expulit,sed etiam,deposito omni hostili consilio,cum Megarensibus bellum composuit et Cretam remeavit.Scylla autem et facinoris coscientia et obiurgatione civium adducta se in undas praecipitavit.Fama est deos misericordia pulsos in cirem,fulvis pennis avem,tristem puellam mutavisse.

Traduzione Italiana

Un tempo Minosse, re dei Cretesi, con le sue truppe devastava le coste dell’Argolide, regione della Grecia e assediava la città di Megara. Il re dei Megaresi allora era Niso, che in testa tra i capelli bianchi aveva un capello rosso, garanzia della continuità del suo regno. Infatti l’oracolo di Apollo aveva dato al re questo responso:<>. Ma Scilla, figlia di Niso, amava fortemente Minosse, re dei nemici e desiderava fortemente la sua vittoria: e così tradisce per amore il padre e la patria. Taglia nel sonno il capello del padre, poi corre alla tenda di Minosse attraverso l’accampamento dei nemici e dice al re:<>. Ma un orrendo misfatto turba l’animo del re. Minosse biasima con aspre parole il tradimento di Scilla ed allontana la fanciulla dall’accampamento dei Cretesi; poi tratta la pace con i Megaresi e ritorna a Creta. Scilla, poiché temeva l’ira e la vendetta del padre, si precipita nelle onde ma la sorte della misera vergine muove gli dei a misericordia, i quali mutano Scilla nell’airone, uccello marino dalle penne rosse.