Versione di Livio

Libro 1, Par. 48

Traduzione della Versione "Libro 1, Par. 48" di Livio

Testo Originale Latino

[1] Huic orationi Seruius cum intervenisset trepido nuntio excitatus, extemplo a vestibulo curiae magna voce "Quid hoc" inquit, "Tarquini, rei est? qua tu audacia me uiuo vocare ausus es patres aut in sede considere mea? [2] " Cum ille ferociter ad haec - se patris sui tenere sedem; multo quam seruum potiorem filium regis regni heredem; satis illum diu per licentiam eludentem insultasse dominis-, clamor ab utriusque fautoribus oritur et concursus populi fiebat in curiam, apparebatque regnaturum qui vicisset. [3] Tum Tarquinius necessitate iam et ipsa cogente ultima audere, multo et aetate et viribus ualidior, medium arripit Seruium elatumque e curia in inferiorem partem per gradus deiecit; inde ad cogendum senatum in curiam rediit. [4] Fit fuga regis apparitorum atque comitum; ipse prope exsanguis cum sine regio comitatu domum se reciperet ab iis qui missi ab Tarquinio fugientem consecuti erant interficitur. [5] Creditur, quia non abhorret a cetero scelere, admonitu Tulliae id factum. Carpento certe, id quod satis constat, in forum inuecta nec reuerita coetum virorum euocavit virum e curia regemque prima appellavit. [6] A quo facessere iussa ex tanto tumultu cum se domum reciperet pervenissetque ad summum Cyprium vicum, ubi Dianium nuper fuit, flectenti carpentum dextra in Urbium cliuum ut in collem Esquiliarum eueheretur, restitit pavidus atque inhibuit frenos is qui iumenta agebat iacentemque dominae Seruium trucidatum ostendit. [7] Foedum inhumanumque inde traditur scelus monumentoque locus est - Sceleratum vicum vocant - quo amens, agitantibus furiis sororis ac viri, Tullia per patris corpus carpentum egisse fertur, partemque sanguinis ac caedis paternae cruento vehiculo, contaminata ipsa respersaque, tulisse ad penates suos virique sui, quibus iratis malo regni principio similes propediem exitus sequerentur. [8] Servius Tullius regnavit annos quattuor et quadraginta ita ut bono etiam moderatoque succedenti regi difficilis aemulatio esset; ceterum id quoque ad gloriam accessit quod cum illo simul iusta ac legitima regna occiderunt. [9] Id ipsum tam mite ac tam moderatum imperium tamen quia unius esset deponere eum in animo habuisse quidam auctores sunt, ni scelus intestinum liberandae patriae consilia agitanti intervenisset.

Traduzione Italiana

[1] Durante questo discorse essendo sopravvenuto Servio sollecito da un nunzio trepidante subito dal vestilo della curia a gran voce disse: “Che è questo, Tarquinio? Con quale audacia mentre io sono vivo hai osato convocare i senatori o sederti sul mio trono?” [2] Avendo quello risposto a queste parole insolentemente che egli occupava il trono di suo padre e che il figlio di un re è un erede al trono molto migliore di uno schiavo e che lui già abbastanza a lungo avendo calpestato i veri padroni facendosi impudentemente gioco di loro, il clamore si levò dei fautori di entrambi e c’era l’accorrere del popolo nella curia e appariva chiaro che avrebbe regnato chi avesse vinto. [3] Allora Tarquinio costretto ormai dalla necessità ad osare l’estrema violenza, molto più robusto per età e per forze, prende (afferra) Servio alla vita e portatolo fuori lo scaraventa nella parte inferiore giù dalla scalinata; Quindi ritornò in Senato per trattenere i Senatori. [4] Si verifica allora la fuga degli appartori (guardie del re) e di quelli che lo accompagnavano: egli stesso, quasi esangue, mentre si trascinava verso casa quasi dissanguato insieme al seguito reale, da coloro che erano stati inviati da Tarquinio. Raggiunto lui (raggiuntolo) viene ucciso. [5] Si crede, poiché anche questo non è dissimile dagli altri delitti, che sia stato concesso per istigazione di Tullia. Di certo, per quello che è abbastanza noto, trasportata su un carro nel foro, e senza vergogna di quel consesso di uomini, chiamò il marito fuori dalla curia e fu la prima a chiamarlo re. [6] E da lui ordinata da tanto tumulto mentre si recava a casa e essendo giunta in cima al vico Cipro, fino a poco tempo prima c’era un tempietto di Diana, mentre lei faceva voltare a destra il cocchio verso la costa Urbia per essere portata al colle Espulino, si fermò pavido e trattenne le redini con cui guidava i giumenti (cavalli) e mostrò alla padrona il corpo di Servio trucidato a Terra. [7] Si tramanda a questo punto un delitto orrendo e inumano, ed il ricordo è conservato dal luogo: Lo chiamano vico Scellerato dove fuori di sé, sconvolta dalle furie della sorella e del marito, si dice che tutta trasportasse per mezzo di un carro il corpo del padre ucciso insanguinò il veicolo e che ella stessa contaminata e macchiata lo portò fino ai suoi penati e del marito, la causa della cui ira a questo cattivo inizio del regno seguì ben presto una fine consimile. [8] Servio Tullio regnò quarantaquattro anni in modo tale che sarebbe stato difficile emularlo anche per un successore virtuoso e moderato. Ma in realtà egli aggiunse alla sua gloria anche questo che con lui contemporaneamente finirono i regni giusti e legittimi. [9] Questo stesso impero così mite e moderato tuttavia per il fatto che era nelle mani di un solo, alcuni riferiscono che egli aveva avuto in animo di deporre se una discordia intestina non fosse intervenuta contro di lui che meditava di concedere la libertà alla patria.