Versione di Livio

Libro 39, Par. 52

Traduzione della Versione "Libro 39, Par. 52" di Livio

Testo Originale Latino

Scipionem et Polybius et Rutilius hoc anno mortuimi seribunt. Ego neque his neque Valerio adsentior, his, quod censoribus M. Porcio L. Valerio L. Valerium principem senatus ipsum censoreni lectum invenio, cum superioribus duobus lustris Africanus fuisset, quo vivo, nisi ut ille senatu moveretur, quam notam nemo memoriae prodidit, alius princeps in locum eius lectus non esset. Antiatem auctorem refellit tribunus plebis M. Naevius, adversus queni oratio inscripta P. Africani est. Hic Naevius in magistratuurn libris est tribunus plebis P. Claudio L. Porcio consulibus, sed iniit tribunatum Ap. Claudio M. Sempronio consulibus ante diem quartum idus Decembres. Inde tres menses ad idus Martias sunt, quibus P. Claudius L. Porcius consulatuin inierunt. Ita vixisse in tribunatu Naevii videtur, diesque ei dici ab eo potuisse, decessisse autem ante L. Valerii et M. Porcii censuram. Trium clarissimorum suae cuiusque gentis virorum non tempore magis congruente comparabilis mors videtur esse, quam quod nemo eorum satis dignum splendore vitae exitum habuit. lam primuni omnes non in patrio solo mortui nec sepulti sunt. Veneno absumpti Hannibal et Philopoemen; exsul Hannibal, proditus ab hospite, captus Philopoemen in carcere et in vinculis exspiravit: Scipio etsi non exsul neque danmatus, die tamen dicta, ad quam non adfuerat reus, absens citatus, voluntarium non sibimet ipse solum sed etiam funeri suo exsilium indixit.

Traduzione Italiana

Quanto a Scipione, Polibio e Rutili0130 scrivono che mori durante quest'anno. Io non mi trovo d'accordo né con questi due né con Valerio. Non sono d'accordo con i primi due perché trovo che durante la censura di Marco Porcio e Lucio Valerio fu eletto a principe del senato lo stesso censore Lucio Valerio, mentre durante i due lustri precedenti aveva ricoperto quella carica l'Africano: se questi fosse stato vivo nessun altro sarebbe stato eletto al suo posto a principe del senato, a meno che egli non fosse stato espulso dal senato, ma nessuno menziona una simile nota di infamia ai suoi danni. La versione accreditata dall'Anziate è smentita dal fatto che era tribuno della plebe Marco Nevio, contro il quale è intitolata un'orazione di Publio Africano. Questo Nevio, a conipulsare le liste dei magistrati, risulta tribuno della plebe sotto il consolato di Publio Claudio e di Lucio Porcio, ma entrò in carica quando erano ancora consoli Appio Claudio e Marco Sempronio, il 10 di dicembre. Da questa data al 15 di marzo, quando entrarono in carica Publio Claudio e Lucio Marcio, passarono tre mesi. Così è chiaro che era in vita durante il tribunato di Nevio, se costui poté citarlo in giudizio e che morì prima della censura di Lucio Valerio e Marco Porcio.