Versione di Livio

Il console Emilio Paolo muore a Canne

Traduzione della Versione "Il console Emilio Paolo muore a Canne" di Livio

Testo Originale Latino

Parte altera pugnae Paulus, quamquam primo statim proelio funda graviter ictus erat, tamen et occurrit saepe Hannibali cum militibus confertis et aliquot locis proelium restituit. Cn. Lentulus, tribunus militum, cum, praetervehens equo, consulem sedentem in saxo cruore oppletum vidisset: "L. Aemili - inquit - quem unum insontem culpae cladis hodiernae dei respicere debent, cape hunc equum, dum et tibi virium aliquid superest et comes ego te tollere possum ac protegere. Ne funestam hanc pugnam morte consulis feceris". Ad ea consul: "Tu quidem, Cn. Corneli, macte virtute esto: sed cave ne, frustra miserando, exiguum tempus e manibus hostium evadendi absumas. Abi, nuntia publice patribus ut urbem Romanam muniant ac praesidiis firment. Memet in hac strage militum meorum volo exspirare, ne aut reus puter aut accusator collegae exsistam, ut alieno crimine innocentiam meam protegam!".

Traduzione Italiana

In un'altra parte della battaglia Paolo, sebbene all'inizio dello scontro era stato ferito gravemente da una fionda, tuttavia sia si batté spesso contro Annibale con i soldati in schiera serrata, sia salvò le sorti della battaglia in qualche luogo. Poiché Cneio Lentulo, tribuno militare, giungendo a cavallo aveva visto il console coperto di sangue seduto su una roccia, disse: "Lucio Emilio, che gli dei dovrebbero guardare come il solo innocente della responsabilità del disastro odierno, prendi questo cavallo, mentre sia ti rimane qualche forza sia io posso prenderti come compagno e proteggerti. Non rendere di cattivo auspicio questa battaglia con la morte del console". A queste parole il console: "Ma almeno a te, Cneio Cornelio, sia gloria per la tua virtù: ma stai attento che, provando inutilmente compassione, tu non perda il poco tempo di sfuggire alla cattura dei nemici. Vai, annuncia ufficialmente ai senatori che fortifichino la città di Roma e la rafforzino con presidi. Io voglio morire in questa strage di miei soldati, affinché io non sia ritenuto colpevole o non appaia come accusatore di un collega, per tutelare la mia innocenza dalla colpa di un altro".