Versione di Sallustio

Paragrafo 31

Traduzione della Versione "Paragrafo 31" di Sallustio

Testo Originale Latino

Multa me dehortantur a vobis Quirites ni studium rei publicae omnia superet: opes factionis vestra patientia ius nullum ac maxime quod innocentiae plus periculi quam honoris est. Nam illa quidem piget dicere his annis quindecim quam ludibrio fueritis superbiae paucorum quam foede quamque inulti perierint vestri defensores ut vobis animus ab ignavia atque socordia corruptus sit qui ne nunc quidem obnoxiis inimicis exurgitis atque etiam nunc timetis eos quibus decet terrori esse. Sed quamquam haec talia sunt tamen obviam ire factionis potentiae animus subigit. Certe ego libertatem quae mihi a parente meo tradita est experiar. Verum id frustra an ob rem faciam in vestra manu situm est Quirites. Neque ego vos hortor quod saepe maiores vestri fecere uti contra iniurias armati eatis. Nihil vi nihil secession opus est; necesse est suomet ipsi more praecipites eant. Occiso Ti. Graccho quem regnum parare aiebant in plebem Romanam quaestiones habitae sunt; post C. Gracchi et C. Fului caedem item vestri ordinis multi mortales in carcere necati sunt: utriusque cladis non lex verum libido eorum finem fecit. Sed sane fuerit regni paratio plebi sua restituere; quicquid sine sanguine civium ulcisci nequitur iure factum sit. Superioribus annis taciti indignabamini aerarium expilari reges et populos liberos paucis nobilibus uectigal pendere penes eosdem et summam gloriam et maximas divitias esse. Tamen haec talia facinora impune suscepisse parum habuere itaque postremo leges maiestas vestra divina et humana omnia hostibus tradita sunt. Neque eos qui ea fecere pudet aut paenitet sed incedunt per ora vestra magnifici sacerdotia et consulatus pars triumphos suos ostentantes; proinde quasi ea honori non praedae habeant. Servi aere parati iniusta imperia dominorum non perferunt; vos Quirites in imperio nati aequo animo servitutem toleratis? At qui sunt ii qui rem publicam occupauere? Homines sceleratissimi cruentis manibus immani auaritia nocentissimi et idem superbissimi quibus fides decus pietas postremo honesta atque inhonesta omnia quaestui sunt. Pars eorum occidisse tribunos plebis alii quaestiones iniustas plerique caedem in vos fecisse pro munimento habent. Ita quam quisque pessime fecit tam maxime tutus est. metum ab scelere suo ad ignaviam vestram transtulere quos omnis eadem cupere eadem odisse eadem metuere in unum coegit. Sed haec inter bonos amicitia inter malos factio est. Quod si tam vos libertatis curam haberetis quam illi ad dominationem accensi sunt profecto neque res publica sicuti nunc vastaretur et beneficia vestra penes optimos non audacissimos forent. maiores vestri parandi iuris et maiestatis constituendae gratia bis per secessionem armati Auentinum occupauere; vos pro libertate quam ab illis accepistis nonne summa ope nitemini? Atque eo vehementius quo maius dedecus est parta amittere quam omnino non parauisse. Dicet aliquis "quid igitur censes?" Vindicandum in eos qui hosti prodidere rem publicam non manu neque vi quod magis vos fecisse quam illis accidisse indignum est verum quaestionibus et indicio ipsius Iugurthae. Qui si dediticius est profecto iussis vestris oboediens erit; sin ea contemnit scilicet existimabitis qualis illa pax aut deditio sit ex qua ad Iugurtham scelerum impunitas ad paucos potentis maximae divitiae ad rem publicam damna atque dedecora pervenerint; nisi forte nondum etiam vos dominationis eorum satietas tenet et illa quam haec tempora magis placent cum regna prouinciae leges iura iudicia bella atque paces postremo divina et humana omnia penes paucos erant; vos autem hoc est populus Romanus invicti ab hostibus imperatores omnium gentium satis habebatis animam retinere. Nam servitutem quidem quis vestrum recusare audebat? Atque ego tametsi viro flagitiosissimum existimo impune iniuriam accepisse tamen vos hominibus sceleratissimis ignoscere quoniam ciues sunt aequo animo paterer ni misericordia in perniciem casura esset. Nam et illis quantum importunitatis habent parum est impune male fecisse nisi deinde faciendi licentia eripitur et vobis aeterna sollicitudo remanebit cum intellegetis aut seruiendum esse aut per manus libertatem retinendam. Nam fidei quidem aut concordiae quae spes est? Dominari illi volunt vos liberi esse; facere illi iniurias vos prohibere; postremo sociis nostris ueluti hostibus hostibus pro sociis utuntur. Potestne in tam diuersis mentibus pax aut amicitia esse? quare moneo hortorque vos ne tantum scelus impunitum omittatis. Non peculatus aerari factus est neque per vim sociis ereptae pecuniae quae quamquam gravia sunt tamen consuetudine iam pro nihilo habentur; hosti acerrimo prodita senatus auctoritas proditum imperium vestrum est; domi militiaeque res publica venalis fuit. Quae nisi quaesita erunt nisi vindicatum in noxios quid erit relicuum nisi ut illis qui ea fecere oboedientes vivamus? Nam impune quae libet facere id est regem esse. Neque ego vos Quirites hortor ut malitis civis vestros perperam quam recte fecisse sed ne ignoscendo malis bonos perditum eatis. Ad hoc in re publica multo praestat benefici quam malefici immemorem esse: bonus tantummodo segnior fit ubi neglegas at malus improbior. Ad hoc si iniuriae non sint haut saepe auxili egeas.

Traduzione Italiana

«Molte ragioni, Quiriti, mi sconsiglierebbero di presentarmi a voi, se l'amore della repubblica non prevalesse su ogni altra considerazione: la potenza del partito avverso, la vostra rassegnazione, l'assenza di ogni giustizia e soprattutto i pericoli che più degli onori sovrastano chi si mantiene integro. Rincresce proprio dover ricordare come in questi ultimi quindici anni siate stati oggetto di scherno da parte di pochi prepotenti, come i vostri difensori siano caduti miseramente e senza vendetta e come vi siate lasciati corrompere dall'inerzia e dalla viltà, tanto che neppure ora che avete i nemici in pugno siete capaci di ribellarvi e continuate ancora a temere coloro ai quali dovreste incutere terrore. Ma a dispetto di questa situazione, la mia coscienza mi impone di sfidare la potenza della fazione nobiliare. Tenterò almeno di servirmi di quella libertà che mi è stata lasciata in eredità da mio padre: che io poi lo faccia invano o con qualche risultato, dipende solo da voi, Quiriti. Io non vi esorto ad opporvi all'ingiustizia con le armi, come fecero spesso i vostri antenati. Non c'è bisogno di violenza né di secessioni: sarà la loro stessa condotta a trarli in rovina. Ucciso Tiberio Gracco, accusato di aspirare al regno, s'intentarono processi contro la plebe romana; analogamente, dopo l'assassinio di Gaio Gracco e Marco Fulvio, furono uccisi in carcere molti esponenti del vostro ordine: in entrambi i casi il loro arbitrio, non la legge pose fine allo spargimento il sangue. Ma passi pure come tentativo di instaurare il regno il voler ristabilire i diritti della plebe e si consideri pure legittima ogni vendetta che non si possa compiere senza il sangue dei cittadini. Negli scorsi anni sopportavate con sdegno, ma in silenzio, che l'erario fosse saccheggiato e che re e popoli liberi fossero tributari di pochi nobili, cui toccavano sempre i più alti onori e la maggior ricchezza. Eppure, non contenti di aver commesso impunemente simili delitti, hanno finito per consegnare ai nemici le leggi, la vostra maestà, ogni valore divino e umano. E i responsabili di queste imprese non provano vergogna né rimorso, ma passano tronfi sotto i vostri occhi, ostentando le cariche sacerdotali, i consolati e alcuni i loro trionfi, come se li avessero a titolo d'onore, non come preda. Gli schiavi, che pure sono stati comprati col denaro, non sopportano le imposizioni ingiuste dei padroni; e voi, Quiriti, nati per comandare, tollerate la schiavitù senza reagire? Ma chi sono questi padroni della repubblica? Uomini malvagi, dalle mani insanguinate, avidi oltre misura, veri furfanti pieni di arroganza, disposti a mercanteggiare lealtà, dignità, pietà, insomma tutto ciò che di onesto e di disonesto esiste al mondo. Alcuni di loro si sono conquistati la propria sicurezza con l'assassinio dei tribuni della plebe, altri con processi ingiusti, la maggior parte macchiandosi del vostro sangue. Così, più sono colpevoli, più vivono sicuri: la paura che dovrebbero provare per i loro delitti l'hanno trasfusa in voi per la vostra viltà. Sono uniti in un sol blocco dagli stessi desideri, dagli stessi odi, dagli stessi timori: ma questa che tra gli uomini onesti è amicizia, fra i disonesti è complicità. E se voi aveste tanta cura della libertà quanta smania hanno loro di dominio, certamente la repubblica non sarebbe, come ora, in rovina e le cariche che dipendono da voi toccherebbero ai migliori, non ai più sfrontati. I vostri antenati per conquistare i loro diritti e per difendere la dignità del loro ordine, per ben due volte fecero secessione e occuparono armati l'Aventino; e voi non vi impegnerete con tutte le forze per difendere la libertà che vi hanno lasciato, e tanto più ardentemente quanto è più vergognoso perdere un bene acquisito che non averlo mai acquistato? Qualcuno dirà: «Che proponi, dunque?». Si devono punire coloro che hanno consegnato la repubblica al nemico non con le armi, né con la violenza, perché sarebbe più indegno per voi farlo, che per loro subirlo: ma con un'inchiesta e con la deposizione dello stesso Giugurta. Se si è veramente arreso, ubbidirà di certo ai vostri ordini; se non ne terrà conto, potrete senza dubbio giudicare che razza di pace e di resa sia quella da cui è venuta a Giugurta l'impunità per i suoi delitti, a un pugno di potenti ricchezze immense, alla repubblica danno e disonore. A meno che non siate ancora stanchi della loro tirannia e a questi tempi non preferiate quelli in cui regni, province, leggi, diritti, processi, guerra e pace, in una parola tutto l'ordine morale e civile erano in mano di pochi, mentre voi, il popolo di Roma, invitto e signore di tutte le genti, vi accontentavate di aver salva la vita. Chi di voi, infatti, osava ribellarsi a tale schiavitù? Quanto a me, sebbene consideri estremamente disonorevole che un uomo riceva un'offesa senza reagire, sopporterei nondimeno che voi perdonaste a quegli uomini malvagi, perché sono concittadini, se la clemenza non dovesse poi trasformarsi nella vostra rovina. Sono talmente sfrontati, infatti, che se non venissero privati della possibilità di fare ancora del male, sembrerebbe loro troppo poco averlo fatto impunemente nel passato. E a voi resterà un'angoscia senza fine, quando comprenderete che bisogna o vivere come schiavi o difendere la libertà combattendo. Chi può, infatti, ancora sperare nella lealtà e nella concordia? Loro vogliono essere padroni, voi liberi; loro commettere soprusi, voi impedirli. Insomma considerano nemici i nostri alleati, alleati i nostri nemici. Sono possibili la pace e l'amicizia in modi di pensare così diversi? Io vi invito e vi esorto, perciò, a non lasciare impunito un delitto così grave. Non si tratta di peculato né di denaro estorto agli alleati, cose indubbiamente gravi, ma ormai di nessuna importanza, tanto sono comuni. No, l'autorità del senato e il vostro stesso potere sono stati rimessi nelle mani di un nemico accanito; si è fatto commercio della repubblica in pace e in guerra. Se non si perseguiranno questi misfatti, se non si puniranno i colpevoli, che altro ci resterà, se non sottometterci per sempre a coloro che commisero quei crimini? Infatti fare impunemente ciò che si vuole, significa essere re. Io non vi esorto, Quiriti, a compiacervi del fatto che i vostri concittadini abbiano operato male piuttosto che bene, ma non voglio che perdonando i malvagi mandiate in rovina gli onesti. D'altra parte, in politica è meglio dimenticare il bene ricevuto che il male subito, perché l'onesto, se lo trascuri, si fa solo meno solerte, il malvagio, invece, diventa più sfacciato. Si aggiunga che, se si tolgono le offese, si deve ricorrere meno spesso all'intercessione di altri». XXXII A forza di insistere su questi e simili argomenti, Memmio persuade il popolo a inviare presso Giugurta il pretore in carica Lucio Cassio: doveva ricondurre il re a Roma con pubblico salvacondotto, perché con la sua deposizione venissero più facilmente alla luce gli intrighi di Scauro e di tutti gli altri da lui accusati di aver accettato denaro. Mentre a Roma accadevano questi fatti, coloro che Bestia aveva lasciato in Numidia a capo dell'esercito, seguendo l'esempio del loro comandante, continuarono a macchiarsi dei più infami misfatti. Alcuni, corrotti dal denaro, restituivano gli elefanti a Giugurta, altri gli vendevano i disertori, altri ancora facevano scorrerie nei paesi che erano in pace con noi; a tal punto la forza dell'avidità era penetrata, come una peste, nei loro animi. Ma quando, fra la costernazione di tutta la nobiltà, la proposta di Memmio fu approvata, il pretore Cassio si reca da Giugurta e, nonostante il suo timore e la sua sfiducia, dettata dalla cattiva coscienza, lo persuade, dato che si era arreso al popolo romano, a sperimentarne la clemenza anziché la forza. Inoltre, privatamente, impegna la sua parola, che agli occhi di Giugurta non valeva meno del salvacondotto pubblico: tale era la reputazione di Cassio in quel tempo.