Versione di Seneca

Libro 1, Par. 3

Traduzione della Versione "Libro 1, Par. 3" di Seneca

Testo Originale Latino

In hac tanta facultate rerum non ira me ad iniqua supplicia compulit, non iuvenilis impetus, non temeritas hominum et contumacia, quae saepe tranquillissimis quoque pectoribus patientiam extorsit, non ipsa ostentandae per terrores potentiae dira, sed frequens magnis imperiis gloria. Conditum, immo constrictum apud me ferrum est, summa parsimonia etiam vilissimi sanguinis; nemo non, cui alia desunt, hominis nomine apud me gratiosus est.

Traduzione Italiana

Ma dinnanzi a così tanto potere non mi ha spinto a condanne a morte ingiuste né l'ira, né l'ardore giovanile, né l'avventatezza degli uomini, che spesso ha strappato la pazienza anche alle persone (petti) più tranquille, né la stessa ambizione di dimostrare la propria potenza attraverso il terrore, funesta ma frequente in coloro che detengono grandi poteri. Infatti la spada è nascosta anzi legata stretta accanto a me, c'è un estremo rispetto anche nei confronti del sangue più meschino, non c'è nessuno a cui meschino altre qualità che non sia in gradito a me per il solo fatto d'essere un uomo.