Versione di Tibullo

Corpus Tibullianum, I, 3, VV. 1-22

Traduzione della Versione "Corpus Tibullianum, I, 3, VV. 1-22" di Tibullo

Testo Originale Latino

Ibitis Aegaeas sine me, Messalla, per undas, o utinam memores ipse cohorsque mei! Me tenet ignotis aegrum Phaeacia terris: abstineas avidas, Mors, modo, nigra, manus; abstineas, Mors atra, precor: non hic mihi mater quae legat in maestos ossa perusta sinus, non soror, Assyrios cineri quae dedat odores et fleat effusis ante sepulcra comis, Delia non usquam, quae, me cum mitteret urbe, dicitur ante omnes consuluisse deos; illa sacras pueri sortes ter sustulit: illi rettulit e trinis omina certa puer; cuncta dabant reditus; tamen est deterrita numquam quin fleret nostras respiceretque vias. Ipse ego solator, cum iam mandata dedissem, quaerebam tardas anxius usque moras; aut ego sum causatus aves aut omina dira Saturnive sacram me tenuisse diem. O quotiens ingressus iter mihi tristia dixi Offensum in porta signa dedisse pedem! Audeat invito ne quis discedere Amore, aut sciat egressum se prohibente deo.

Traduzione Italiana

Andrete attraverso le onde dell'Egeo senza di me, o Messalla; almeno ricordatevi tu e la coorte di me! La Feacia mi trattiene, malato, in terre sconosciute: o nera Morte, tieni ora lontane le avide mani; tienile lontane, fosca Morte, ti prego: non ho qui la madre che raccolga le ossa bruciate nel mesto grembo; non ho la sorella, che sparga sulla cenere profumi Assiri e pianga davanti al sepolcro con i capelli sciolti; Delia non è da nessuna parte, la quale prima di lasciarmi partire da Roma si dice abbia consultato tutti gli dei; tre volte ella trasse le sacre tavolette del fanciullo: a lei da tutte e tre il fanciullo diede responsi sicuri; tutte davano il ritorno; tuttavia mai fui dissuasa dal piangere e dal pensare con ansia il mio viaggio. Io stesso, consolandola, quando avevo già dato gli ordini, ansioso cercavo continuamente motivi di rinvio; adducevo o gli auspici o i responsi sfavorevoli o che mi tratteneva il giorno sacro a Saturno. O quante volte, intrapreso il viaggio, dissi che il piede colpendo nella porta mi aveva dato un presagio sfavorevole! Nessuno osi allontanarsi da Amore che non vuole, o sappia che è partito con il divieto del dio.