Versione di Valerio Massimo

Presagi ambigui per grandi vittorie

Traduzione della Versione "Presagi ambigui per grandi vittorie" di Valerio Massimo

Testo Originale Latino

L. Sulla consul sociali bello, cum in agro Nolano ante praetorium immolaret, sub?to ab ara reptantem anguem prospexit. Cum ex multorum sententia funestius omen quam laetius iudicaretur, tamen exercitum in expeditionem eduxit et Samnitium copiis devictis suae gentis auctoritatis gradum et fundamentum posuit. Eodem bello, etiam terribiliorem metum incuss?re prodigia duo(="due", nom. n.)quae, Caio Volumnio Servio Sulpicio consulibus, Romae acciderunt: nam bos, mugitu in sermonem humanum converso, audientium animos in foro exterruit, dissipatae partes carnis in modum nimbi ceciderunt, quas praep?tes diripuerunt aves. Primo Punico bello incipiente, narratum est puerum infantem in Foro Boario "Triumphum" clamasse, in Piceno lapidibus pluisse, in Gallia lupum vigili gladium rapuisse, in Sardinia scuta duo(="due", nom. n.)sanguinem sudasse, Antii metentibus cruentas spicas in corbem decidisse, Caer?tes aquas sanguine mixtas fluxisse. Bello etiam Punico secundo, const?tit Cn. Domitii bovem exclamavisse: "Cave tibi, Roma".

Traduzione Italiana

Ciao, Io ho trovato solo le prime 4 righe: Lucio Silla, console al tempo della guerra sociale, stava sacrificando davanti alla sua tenda di comandante nel territorio di Nola, quand'ecco vide strisciare dalla base dell'altare un serpente. A tale vista, per esortazione dell'aruspice Postumio, senza por tempo in mezzo mosse il suo esercito ed espugnò il munitissimo campo dei Sanniti. Questa vittoria fu il fondamento, donde prese l'abbrivio la sua futura grandissima potenza