Versione del libro La Lingua delle Radici 1

La terza guerra punica

Pagina 211, versione 8 dal libro La Lingua Delle Radici 1.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Sciebant enim urbis opes atque vires post secundum bellum Poenicum magnopere crevisse. Cum Carthaginienses Romanorum invidiam et metum excitavissent senatus…

Traduzione Italiana

Si sapeva infatti che, dopo la seconda guerra punica, le risorse e le truppe armate erano cresciute notevolmente. I Cartaginesi dato che avevano smosso l'invidia e la paura dei Romani, il senato ordinò che senza indugio fosse dichiarata guerra verso di loro. E così, essendo giunta in Africa la flotta romana, i consoli assediarono Cartagine; i Cartaginesi in verità difendevano energicamente la città e respingevano tutti i tentativi dei Romani. Il senato dunque, comprendendo che l'esercito consumava inutilmente tempo e forze, inviò in Africa Cornelio Scipione Emiliano. Gli scrittori degli avvenimenti (gli storici) narrano che il nuovo comandante combatté con gran valore e con esperienza militare contro i nemici e che Cartagine fu martoriata con un assedio serrato. Tuttavia i Cartaginesi resistettero per molti mesi, ma alla fine i Romani irruppero in città e la misero a ferro e fuoco. Si tramanda che a Cartagine gli edifici ed i templi presero fuoco per molti giorni.

 

Analisi

Analisi

a Sottolinea e analizza gli infiniti presenti.

indici: forma passiva verbo dell'oggettiva avente come soggetto bellum

consumere: forma attiva verbo dell'oggettiva avente come soggetto exercitum e come complemento oggetto tempus viresque

b Individua le proposizioni infinitive e chiariscine il rapporto temporale con la reggente.

opes atque vires crevisse: infinitiva oggettiva retta da un infinito perfetto; nella reggente c'è l'imperfetto sciebant quindi il rapporto è di contemporaneità; in italiano il verbo della principale mancante del soggetto viene tradotto in forma impersonale

bellum eis indici: infinitiva con valore oggettivo retta da iussit perfetto indicativo; il verbo dell'infinitiva indici è un infinito presente passivo; l'oggettiva ha un rapporto di posteriorità rispetto alla reggente

exercitum consumere tempus viresque: infinitiva con valore oggettivo, retta dal participio presente intellegens riferito a senatus; il verbo dell'oggettiva è un infinito presente quindi il rapporto di essa rispetto alla reggente è di contemporaneità

novum imperatorem pugnavisse: infinitiva oggettiva con rapporto di anteriorità rispetto alla reggente.

Carthaginem vexavisse: infinitiva coordinata alla precedente la sua analisi presenta le stesse caratteristiche dell'infinitiva a lei coordinata

aedificia templa exarsisse: infinitiva oggettiva, rapporto di anteriorità rispetto alla reggente; infinito perfetto exarsisse e presente indicativo nella reggente: tradunt in italiano, mancante del soggetto, viene reso in forma impersonale.

c vires: declina oralmente questo termine (sing. e plur.).

Singolare:

N vis

G roboris - vis

D robori, vi

A vim

V vis

A vi

Plurale:

N vires, vis

G virium

D viribus

A vires, vis

V vires

A viribus

d cum … pervenisset: di quale costrutto si tratta?

proposizione narrativa,  gerundio composto, con valore temporale

e Individua e analizza i complementi di tempo.

post Secundum bellum Poenicum: complemento di tempo determinato
per multos menses: complemento di tempo continuato
multos dies: complemento di tempo continuato