Versione del libro La Lingua delle Radici 1

La tomba di Ciro

Pagina 242, versione 6 dal libro La Lingua Delle Radici 1.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Alexander deinde venit in urbem Parsagada a Cyro Persarum rege conditam qui in ea sepultus erat. Alexander sepulcrum iussit aperiri…

Traduzione Italiana

Alessandro poi giunse alla città di Persepoli fondata da Ciro, re dei Persiani, in cui egli era stato sepolto. Alessandro ordinò che venisse aperto il sepolcro, in cui era stato nascosto il corpo del re, a cui voleva dare le esequie. Era di fama comune che il sepolcro era colmo di molti talenti, d'oro e d'argento; ma Alessandro trovò soltanto uno scudo rovinato, archi scitici ed una scimitarra. Tuttavia offrì una corona d'oro e coprì con il suo mantello il reliquiario, in cui giaceva il corpo. Si tramanda che il re dei Macedoni rimase stupefatto, che un re di così grande fama, provvisto di così tante ricchezze, fosse stato sepolto proprio come un uomo della plebe. Il ministro, che era presente insieme con Alessandro, dichiarò che i sepolcri dei re sono spogli, invece le dimore dei governatori persiani sono ricolme d'oro sottratto dai sepolcri.

 

Analisi

Comprensione

a Chi aveva fondato Persepoli?
L'aveva fondata il re Ciro

b Che cosa ordina Alessandro appena giunto alla meta del suo viaggio?
Alessandro ordina di aprire il sepolcro dove giaceva il re Ciro.

c Che cosa si aspetta di trovare Alessandro? Che cosa vi trova invece?
Alessandro si aspettava di trovare molte ricchezze; invece trova uno scudo rovinato, archi scitici ed una scimitarra.

d Qual è la sua reazione? Perché?
Il re dei Macedoni di fronte a tale spettacolo si stupisce molto, perchè per lui è incredibile che un re, così famoso, come Ciro, sia stato sepolto come un comune plebeo.

Analisi

e Sottolinea e analizza i pronomi relativi.

qui nominativo maschile singolare  soggetto riferito a Cyro
in quo ablativo singolare neutro  riferito a sepulcrum
cui dativo maschile  singolare riferito a regis 
in quo ablativo singolare neutro riferito a solium
qui nominativo maschile  singolare riferito a minister
  
f Rintraccia i complementi di abbondanza.

multis talentis
tantis opibus
auro

g volebat: come è costruito? Scrivi il paradigma del verbo; quali altri verbi irregolari derivano da volo?

volo - vis - volui - velle da esso derivano nolo e malo; nel brano tale verbo è supportato dall'infinito dare che in qualità di verbo transitivo regge il complemento oggetto inferias

h ferunt: che valore assume qui il verbo fero? Che cosa introduce?

ferunt qui vuol dire tramandare introduce un'infinitiva: regem Macedonum stupuisse. In italiano, dato che il verbo fero non ha soggetto, può essere tradotta con valore impersonale nel significato di "si tramanda".