Versione del libro La Lingua delle Radici 1

Meglio soldati semplici che ufficiali decorati

Pagina 131, Versione 34 del libro La lingua delle radici 1.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Mustelarum agmen mures proelio superavit (historia in tabernis pingitur). Turba murium fuga salutem petivit et circum arta cubilia trepidavit. Animalia…

Traduzione Italiana

La schiera delle donnole superò in battaglia i topi (la storia è dipinta nelle taverne). La moltitudine dei topi cercò la salvezza con la fuga e si precipitò intorno ai buchi stretti. Gli animali, a stento messi al sicuro, evitarono la morte; ma la fortuna per i superbi condottieri dei topi ebbe un esito contrario e misero (riuscì contraria e misera). Dato che desideravano un segnale visibile in battaglia, avevano fissato le corone di fronde sulle teste. Quando dopo la strage anche i condottieri si lanciarono verso gli stretti buchi, a causa delle corone di fronde rimasero impigliati nelle porte e furono catturati dai nemici. I vincitori uccisero i condottieri con gli avidi denti. E così, quando giunse la calamità, la grandezza e la superbia dei principi (dei più forti) fu in gran pericolo; la piccola plebe invece ebbe un facile rifugio e giunse al sicuro.

 

Analisi

1. Cerca i sostantivi della III declinazione; trascrivine nominativo e genitivo singolare.

Agmen agminis
Mus muris
Salus salutis
Cubile cubilis
Animal animalis
Nex necis
Dux ducis
Caput capitis
Frons frondis
Clades cladis
Hostis hostis
Victor victoris
Dens dentis
Calamitas calamitatis
Magnitudo magnitudinis
Princeps principis
Plebs plebis

2. proelio: che complemento è?
Complemento di limitazione

3. recepta: analizza questa forma.
Participio congiunto riferito ad animalia, nominativo neutro plurale

4. Quod: di che congiunzione si tratta?
Causale

5. Cum, cum: quale subordinata introducono?

a. cum + indicativo temporale e causale
b. cum + congiuntivo introduce una proposizione narrativa che si traduce in forma implicita con il gerundio, in forma esplicita come: una temporale, una causale, una concessiva, una modale, un’avversativa.