Versione del libro La Lingua delle Radici 1

Un'insidia neutralizzata dall'astuzia

Pagina 231, versione 11 dal libro La Lingua Delle Radici 1.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Artaxerxes quod implacabile odium in Datamen susceperat cum animadvertisset se eum bello non oppressurum esse insidiis (eum) interficere voluit. Sed…

Traduzione Italiana

Artaserse, dato che aveva concepito un odio implacabile nei confronti di Datame, essendosi accorto che egli stesso non avrebbe potuto annientarlo con la guerra, volle ucciderlo con un'insidia. Ma Datame per lo più la evitò. Un giorno essendogli stato annunciato che alcuni, che erano nel gruppo degli amici, gli avrebbero fatto un'imboscata, decise di mettere alla prova la loro fedeltà. E così si diresse nel luogo dove aveva saputo che ci sarebbe stata l'insidia. Ma designò un uomo dal corpo e dalla statura simile a lui gli diede il suo vestito e lo collocò sul percorso al posto suo. Datame invece, abbigliato con l'ornamento e l'abito militare, viaggiò tra le guardie del corpo. Invece gli ingannatori, secondo l'accordo pattuito, tratti in tranello dall'ordine e dal vestito, aggredirono colui che era stato messo in sostituzione. Datame aveva ordinato ai soldati di fare ciò che avrebbero visto che egli stesso facesse. E così, Datame avendo osservato gli ingannatori che accorrevano, gettò i dardi contro di loro. Tutti i soldati eseguirono velocemente gli ordini e gli ingannatori dopo essere stati trafitti crollarono.

 

Analisi

Analisi

a Individua e analizza i nomi di origine straniera.

Artaxerxes: nominativo singolare soggetto
Datamen: accusativo
Datames: nominativo soggetto

b Sottolinea le proposizioni infinitive ed evidenziane il rapporto temporale con la reggente.

se non oppressurum esse: infinito futuro attivo, rapporto di posteriorità rispetto alla reggente

interficere voluit: in questo caso l'infinito è nominale con valore oggettivo retto da voluit

nonnullos facturos esse: oggettiva; infinito futuro attivo, rapporto di posteriorità rispetto alla reggente

temptare: in questo caso è un’oggettiva implicita dove il soggetto è sottinteso perché è lo stesso soggetto della proposizione principale e quindi nella traduzione dell’oggettiva viene omesso e la stessa viene tradotta in forma implicita

futuras esse insidias: oggettiva infinito futuro attivo  con rapporto di posteriorità rispetto alla reggente-cognoverat piucheperfetto indicativo

milites facere: rapporto di posteriorità rispetto alla reggente

ipsum facere: oggettiva, rapporto di posteriorità rispetto alla reggente

c Cerca i costrutti del cum narrativo e motiva l'uso dei tempi dei verbi retti dalla congiunzione.

cum animadvertisset: piuccheperfetto congiuntivo, rapporto di anteriorità rispetto alla reggente che è espressa con un perfetto indicativo voluit

cum nuntiatum esset: piuccheperfetto congiuntivo, gerundio composto, rapporto di anteriorità con la reggente 

cum conspexisset: piuccheperfetto congiuntivo, gerundio composto, rapporto di anteriorità rispetto alla reggente

d voluit e conciderunt: analizza questi due verbi e scrivine il paradigma.

voluit: perfetto indicativo terza persona singolare, volo-vis-volui-velle

conciderunt: perfetto indicativo terza persona plurale, concido-is-concidi-concidere