Versione del libro Latinum Vertere

Temistocle condannato all'esilio

Traduzione della versione di latino dal libro "Latinum Vertere"

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Themistocles non effugit civium suorum invidiam. Namque ob eundem timorem quo damnatus erat Miltiades testularum suffragis e civitate eiectus Argos…

Traduzione Italiana

Temistocle non sfuggì all'invidia dei suoi cittadini. Infatti, per lo stesso timore per cui era stato condannato Milziade, cacciato dalla città con l'ostracismo, andò ad Argo; e non si pentì di questa scelta; infatti qui per le sue innumerevoli virtù visse una vita decorosa, non senza dignità. Tuttavia gli Spartani mandarono legati ad Atene, e lo accusarono, mentre era assente, di essersi alleato col re dei Persiani per attaccare la Grecia. Per questa accusa, assente, fu condannato per tradimento. Avendo saputo ciò, poiché non si sentiva al sicuro ad Argo, andò a Corcira. Qui, quando si accorse che i principi di quella città temevano che per causa sua gli Spartani e gli Ateniesi dichiarassero loro guerra, si rifugiò da Admeto, re dei Molossi.