Versione del libro Lingua Magistra 1

Agesilao diventa re

Pagina 226, versione 81 del libro Lingua Magistra 1.

Testo Originale Latino

Agesilaus Lacedaemonius a multis auctoribus historicis et eximie a Xenophonte Socratis discipulo magnis laudibus collaudatus est quia in magna amicitia…

Traduzione Italiana

Lo spartano Agesilao da molti storici e dal famoso Senofonte, discepolo di Socrate, fu elogiato con molte lodi, perchè erano in grande amicizia. Agesilao aveva una contesa relativamente al regno con Leotichide, figlio del fratello, per il fatto che per un'antica istituzione gli spartani avevano sempre avuto due re, di nome più che di fatto, da due famiglie di Proclio e di Euristene, che furono i primi re di Sparta. Era morto il re Agide, fratello di Agesilao. Rimase il figlio Leotichide, che in passato non era stato riconosciuto, ma prima della morte lo riconobbe come suo figlio. Il giovane allora gareggiò per il titolo del regno con Agesilao, suo zio paterno e non l’ottenne, perché Agesilao fu nominato re grazie alla potenza di Lisandro, condottiero violento e fazioso degli spartani.

 

Analisi

1. Perché lo storico Senofonte colmò di lodi lo spartano Agesilao?

Perché era legat a lui da una profonda amicizia

2. Quale usanza degli Spartani caratterizzava il loro regno?

Avevano due re, appartenenti alle famiglie dei primi due re di Sparta

3. Dopo la morte del re Agide, chi erano i due candidati alla successione al trono?

Agesilao e Leotiche

4. Quale rapporto di parentela esisteva tra Agesilao e Leotichide?

Zio e nipote.

5. Chi fu determinante nel favorire Agesilao?

Lisandro.

6. Individua le tre proposizioni causali e le tre diverse congiunzioni che le introducono.

quia in magna amicitia erat

quod Lacedaemonii duos habuerant semper reges

quoniam ope Lysandri, Lacedaemoniorum ducis factiosi et violenti, Agesilaus rex creatus est

7. Sottolinea una volta i verbi all'indicativo perfetto e due volte quelli all'indicativo piuccheperfetto.

perfetto: collaudatus est, fuerunt, reliquit, recognovit, contendit, obtinuit, creatus est

piuccheperfetto: habuerant, decesserat, agnoverat