Versione del libro Lingua Magistra 1

Arione e i delfini

Pagina 211, versione 69 del libro Lingua Magistra 1.

Testo Originale Latino

Cuncta maria cunctaeque terrae Arionem cognoscunt. Ob vocem eius qui canebat aquae fluminum stabant; sub umbra eiusdem arboris iacebant canes…

Traduzione Italiana

Tutti i mari e tutte le terre conoscono Arione. A causa della voce di lui che cantava, le acque dei fiumi si fermavano; sotto l'ombra dello stesso albero stavano cani e lepri, il lupo e l'agnello. Egli visse a Corinto, dove c'era il tempio di Apollo, presso il re, suo amico, Periandro, che lo aveva trattenuto con sé per molti anni e gli donò molte sue ricchezze. Poi il citaredo tornava nella sua patria, l'isola di Lesbo. Ma i marinai, che lo trasportavano sulla nave, congiurarono contro la sua vita: infatti volevano rubare il denaro e i doni che gli aveva offerto Periandro. Ma alcuni delfini, attirati dal suo canto, circondarono la nave, e Arione, dopo averli visti, subito lasciò la nave e si gettò in mare: i delfini lo presero e lo riportarono dal re Periandro a Corinto. Dopo alcuni giorni una forte tempesta spinse verso la costa di Corinto la stessa nave dei marinai che avevano aggredito Arione. Così il re li convocò a sé: i marinai non negarono il crimine e così Periandro li condannò alla pena capitale.

 

Analisi

1. Perché Arione era famoso?

Arione era famoso per la sua voce.

 

2. Perché Arione si gettò in mare?

Si gettò in mare per sfuggire ai marinai, che volevano ucciderlo per impossessarsi dei suoi tesori.

 

3. Quale ruolo ebbe la sorte nella condanna dei marinai colpevoli?

Una tempesta li fece approdare alle coste di Corinto, dove furono puniti dal re Periandro con la pena capitale.

 

4. Individua le seguenti funzioni logiche: complementi di luogo, tempo, causa, causa efficiente.

Complementi di causa: ob vocem eius

Complementi di luogo: sub umbram, Corinthi, apud regem, in patriam suam, in mare, ad litus

Complementi di tempo: post aliquot dies

 

5. Sottolinea e analizza le voci verbali all'indicativo perfetto e piuccheperfetto.

Indicativo perfetto:

vixit: 3 persona sing. da vivo

donavit: 3 persona sing. da dono

coniuraverunt: 3 persona plur. da coniuro

cessit: 3 persona sing. da cedo

deiecit: 3 persona sing. da deicio

acceperunt: 3 pers. sing da accipio

reportaverunt: 3 persona plur. da reporto

impulit: 3 persona sing. da impello

accivit: 3 pers. singolare da accieo

negaverunt: 3 pers. plurale da nego

damnavit: 3 pers. sing da damno

 

Indicativo piuccheperfetto:

detinuerat: 3 persona sing. da detineo

circumdederant: 3 persona plurale da circumdo

viderat: 3 persona sing. da video

praestiterat: 3 persona sing. da praesto

aggressi erant: 3 persona plurale da aggredior