Versione del libro Lingua Magistra 1

Il giovane ricco

Pagina 392, versione 141 del libro Lingua Magistra 1.

Testo Originale Latino

Narrant adulescentem ad Iesum tetendisse et unam interrogationem fecisse Domino suo: «Magister bone quid boni necesse est me facére ut…

Traduzione Italiana

Narrano che un giovane si era avvicinato a Gesù aveva fatto una domanda al suo Signore; "Buon maestro, cosa di bene è necessario che io faccia, affinché abbia la vita eterna?". Gesù lo ammonì di non trascurare gli insegnamenti e così avrebbe avuto la vita vera. Dicono che dunque quel giovane desiderava conoscere gli insegnamenti e Gesù così rispose: "Occorre che tu non uccida, non commetta adulterio, non rubi, non dica falsa testimonianza. Inoltre è necessario che onori tuo padre e tua madre e ami il prossimo tuo come te stesso.". Ma il giovane disse lui che sempre dalla sua giovinezza aveva custodito tutti i precetti che Gesù aveva ricordato e chiese: "Non mi manca niente finora?". Ma tramandano che Gesù avesse risposto: "Vai, vendi ciò che hai e da ai poveri e sarai perfetto e avrai un tesoro nel cielo! Vieni e seguimi!". Ma dopo che il giovane aveva ascoltato quel discorso, narrano che se ne fosse andato triste; infatti egli aveva molti possedimenti che il giovane stimava molto e alle quali era molto attaccato. E pare che Gesù abbia ammonito i discepoli che difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli.

 

Analisi

1. Qual è la prima domanda che il giovane pone a Gesù?

Chiede cosa deve fare di buono per avere la vita eterna.

2. Quale atteggiamento deve essere tenuto verso i genitori e verso il prossimo?

Bisogna onorare i genitori e amare il prossimo come noi stessi.

3. Da quando il giovane sostiene di osservare i comandamenti proposti?

Sempre dalla sua giovinezza.

4. Perché il giovane alla fine se ne va?

Perché non ha intenzione di rinunciare ai suoi averi.

5. Che cosa dice da ultimo Gesù?

Dice che è difficile che un ricco entri nel regno dei cieli.

6. Sottolinea in blu le infinitive soggettive e in rosso le oggettive.

adulescentem unam interrogazionem fecisse: oggettiva

me facere: soggettiva

adulescentem.... optavisse: oggettiva

Iesum sic respondisse: oggettiva

te non omicidium facere: soggettiva

te non adulterare: soggettiva

te non furtum facere: soggettiva

te non falsum testimonium dicere: soggettiva

te onorare patrem: soggettiva

te diligere proximum: soggettiva

se... custodivisse: oggettiva

Iesum respondisse: oggettiva

eum tristem discessisse: oggettiva

Iesum... monuisse: soggettiva

divitem difficulter intraturum esse: oggettiva