Versione del libro Lingua Magistra 1

Mario contro i Cimbri e i Teutoni

Pagina 228, versione 84 del libro Lingua Magistra 1.

Testo Originale Latino

Bellum in Numidia contra Iugurtham geritur et Romani consules M. Manlius et Q. Caepio a Cimbris et Teutonis et Tugurinis…

Traduzione Italiana

Si combatté in Numidia contro Giugurta ed i consoli romani M. Manlio e Q. Cepione furono sconfitti presso il fiume Rodano dai Cimbri e dai Teutoni e dai Tugurini, e dagli Ambroni, che erano popolazioni germaniche e galliche (dei Germani e dei Galli) e con una grande strage, dato che persero anche il proprio accampamento e gran parte delle milizie. Il timore a Roma fu enorme, come al tempo di Annibale durante le guerre puniche, perchè i Galli giungevano nuovamente a Roma. Dunque Mario dopo la vittoria giugurtina divenne nuovamente console e fu deliberata da lui la guerra contro i Cimbri ed i Teutoni. Divenne console ancora per la terza e la quarta volta, perchè la guerra cimbrica si protraeva. Ma durante il quarto consolato ebbe come collega Q. Lutazio Catulo. Combattè con i Cimbri e in due battaglie uccise molti nemici, ne catturò molti e tra questi il condottiero Teutobodo, divenne console per la quinta volta.

 

Analisi

1. Individua le subordinate causali.

quoniam...perdiderunt

quia...veniebant

quia...protrahebatur

2. Da quali altre congiunzioni possono essere introdotte le subordinate causali oltre quelle che
hai trovato nel testo?

quandoquidem, quod, propterea quod, quippe

3. Analizza i predicati delle subordinate causali.

perdiderunt: perfetto indicativo, III p plurale

veniebant: imperfetto attivo, III plurale

protrahebatur: imperfetto passivo III singolare