Versione del libro Lingua Magistra 1

Raccomandazione per un amico

Pagina 393, versione 142 del libro Lingua Magistra 1.

Testo Originale Latino

M. CICERO S. D. P. LENTULO PROCOS. Cum A. Trebonio qui in tua provincia magna negotia et ampla et expedita…

Traduzione Italiana

Cicerone saluta Publio Lentulo proconsole. Da molti anni sono molto amico con Trebonio, che ha nella tua provincia grossi affari, estesi e proficui: egli, come prima, fu sempre graditissimo nella provincia, sia per il suo splendore, sia per l'appoggio nostro e degli altri amici, allora adesso spera fortemente, grazie al tuo amore nei miei confronti e all'amicizia, che con le mie lettere ti sarà gradito; ti prego fortemente che questa speranza non lo deluda e ti raccomando tutti i suoi affari, liberti, procuratori, famiglia, e soprattutto che quelle cose che T. Ampio decretò su di lui tu confermi, e che tu lo tratti in tutte le cose affinché Trebonio capisca che la mia raccomandazione non è stata comune. Scritta a Roma nel mese di Gennaio, 697 della fondazione di Roma.

 

Analisi

Cum A. Trebonio: c. di compagnia

qui in tua provincia magna negotia et ampla et expedita habet: relativa

propter tuum in me amorem nostramque necessitudinem: complementi di causa

meis litteris: c. di mezzo

ne quae spes eum fallat: finale negativa

rogo...ut ea comprobes omnibusque rebus eum tractes: costruzione di rogo

quae T. Ampius T. Ampio de eius re decrevit: relativa

ut Trebonius intelligat meam commendationem non vulgarem fuisse: finale + oggettiva