Versione del libro Lingua Magistra 1

Vita di famiglia

Pagina 153, versione 50 del libro Lingua Magistra 1.

Testo Originale Latino

Quod dico verum est: Valeria sum et cum parentibus et servis in pulchra villa rustica apud Terracinam vivo. In vestibulo…

Traduzione Italiana

Ciò che dico è vero: sono Valeria e vivo con i genitori e servi in una bella villa di campagna presso Terracina. Nel vestibolo o nell'atrio presso il Larario, di mattina, mio padre riceve il saluto mattutino dei clienti, ai quali dà volentieri la sportula piena di vivande. Intanto in cucina vengono preparati dalle ancelle cibi squisiti per tutta la famiglia. Io e mia madre nella camera da letto indossiamo una tunica di lino, e dopo la colazione, silenziose, sediamo nel peristilio e lavoriamo la lana, oppure passeggiamo in giardino loquaci. La nostra villa, che è stata costruita da noi con grande impegno e grande sacrificio, ha un bel portico e un ampio giardino. Spesso accogliamo nell'esedra o nel tablinio gli amici, che chiacchierano con noi; poi verso sera nel triclinio si prepara una grande e buona cena, a cui sono invitati anche i cari amici.

 

Analisi

cum parentibus et servis: complementi di compagnia

in pulchra villa rustica: stato in luogo

apud Terracinam: stato in luogo

In vestibulo, in atrio, apud Lararium: stato in luogo

quibus sportulam libenter dat: relativa propria

In culina: stato in luogo

ab ancillis: complemento d'agente

in cubiculo: stato in luogo

post ientaculum: complemento di tempo determinato

in peristylio, in horto: stato in luogo

quae magno cum studio et magna impensa a nobis aedificata est: relativa propria

cum studio et magna impensa: complementi di modo

a nobis: complemento d'agente

in exedram, in tablinum: stato in luogo

qui nobiscum colloquium habent: relativa propria

ad quam etiam amici cari invitantur: relativa propria