Versione del libro Lingua Magistra 1

Vulcano, un marito tradito

Pagina 468, versione 199 del libro Lingua Magistra 1.

Testo Originale Latino

Olim Venus cum Marte clam concubuit sic Vulcanus Martem astutià decepit et catenam ex adamante fecit et circum lectum posuit.…

Traduzione Italiana

Un giorno Venere giacque di nascosto con Marte, così Vulcano ingannò Marte con l'astuzia, fece una catena di diamante e la pose intorno al letto: Egli giunse all'appuntamento, cadde insieme a Venere nelle reti e non si liberava. Sole riferì ciò a Vulcano, egli li vide nudi: chiamò tutti gli dèi; essi li videro e risero. Da allora la vergogna spaventò Marte e mai fece ciò dopo. Da quella unione fu generata Armonia, a cui Minerva e Vulcano donarono una veste dipinta con scelleratezze, per cui la loro progenie si rivelò scellerata. Venere invece fu sempre ostile alla progenie del Sole a causa della sua delazione.

 

Analisi

cum Marte: c. di compagnia

astutià: c. di mezzo

ex adamante: c. di qualità

circum lectum: c. di luogo

ad constitutum: moto a luogo

cum Venere: c. di compagnia

qui eos viderunt et riserunt: relativa

Ex eo: c. di origine

 Ex ea conceptione: c. di origine

cui Minerva et Vulcanus vestem sceleribus tinctam donaverunt: relativa

ob quam rem, ob indicium: causa