Versione del libro Lingua Magistra 2

La pietra sacra di Cibele giunge a Roma

Versione 263, pagina 92 del libro Lingua Magistra 2.

Testo Originale Latino

Rex Asiae Attalus legatos Romanos comiter acceptos (accolti benevolmente) Pessinuntem (a Pessinunte) in Phrygiam deduxit sacrumque lapidem quae Mater deum…

Traduzione Italiana

Il re dell'Asia Attalo, accolti benevolmente gli ambasciatori a Pessinunte li condusse in Frigia e consegnò ai legati una pietra sacra, che era chiamata "Madre degli déi dagli abitanti, affinché la trasportassero a Roma. Mandato avanti dagli ambasciatori, M. Valerio annunciò l'arrivo della déa; si cercava l'uomo migliore nella città che accogliesse Cibele secondo il rito dell'ospitalità: venne scelto P. Cornelio Scipione Nasica, perché si riteneva fosse dotato delle più grandi virtù. E questi con tutte le donne andò a Ostia incontro alla déa; dopo che la nave arrivò alla foce del fiume Tevere, Scipione trasportato in alto mare sulla nave, ricevette la déa dai sacerdoti e la pose in terra. Le matrone più in vista della città accolsero la statua della Grande Madre; costoro passandosela di mano i mano, mentre tutta la città era in strada, deposti davanti alle porte i turiboli, portarono la déa nel tempio della Vittoria, che si trova sul Palatino, il 12 aprile, e quello fu un giorno di festa. Il popolo numeroso portò doni alla déa sul Palatino, e vi furono un lettisternio e degli spettacoli, chiamati Megalensi.

 

Analisi

1. Chi consegnò la pietra sacra di Cibele agli ambasciatori romani? Attalo

2. Perché a Roma si cerca un uomo dalla moralità irreprensibile in vista dell'arrivo della statua? Perché si tratta di un momento di grande sacralità e occorre che a presiederlo sia una persona degna.

3. Chi fu scelto e che cosa fece in quella circostanza sacra? Fu scelto P. Cornelio Scipione Nasica che insieme alle matrone andò incontro alla statua a Ostia e, dopo averla ricevuta, la depose sulla terra.

4. Cerca su un'enciclopedia che cos'era per i Romani il lectisternium (r. 13). banchetto offerto agli déi posti su letti davanti a mense riccamente imbandite.

5. Rintraccia le proposizioni relative improprie e specificane il valore sintattico. qui eam deportarent Romam, qui Cybelem rite hospitio acciperet (finale).

6. Individua la proposizione causale soggettiva. quia maximis virtutibus praeditus putaretur