Versione del libro Lingua Viva 1

La cerva di Sertorio

Pagina 371, versione 34 del libro Lingua Viva 1.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Erat Sertorio cerva candida eximiae pulchritudinisquae ei magno usui fuit ut obsequentiores haberet milites. Tradunt Sertorium cervam assuefecisse eum audire…

Traduzione Italiana

Sertorio aveva una bianca cerva di straordinaria bellezza, che gli fu di grande aiuto per avere soldati più ubbidienti. Tramandano che Sertorio avesse abituato la cerva ad ascoltarlo quando la chiamava e a seguirlo quando camminava. Dichiarò a tutti che quella fosse un dono di Diana e che doveva fare ciò che era stato richiesto da lei. Quando ordinava severamente, diceva era stato esortato dalla cerva, e subito i soldati obbedivano volenterosi. Durante un'incursione dei nemici la cerva fu persa, e si credette che essa fosse morta; Sertorio tollerò in modo molto negativo questo fatto. Tuttavia dopo molti giorni fu trovata da un soldato. Sertorio ordinò di tacere a quello che raccontava l'accaduto, e subito la portò nel luogo in cui amministrava la giustizia. Egli, dopo essere apparso in pubblico con il volto allegro, disse che la cerva gli era apparsa in sogno, che era morta e ritornava a lui stesso. Allora, come da accordo, fu fatta uscire dal nascondiglio la cerva, la quale, avendo visto Sertorio, con un lieto balzo giunse al seggio e toccò con il muso la mano destra del comandante che stava seduto: da ogni parte di elevò un clamore e ci fu stupore di tutti.

 

Analisi

1. Individua le infinitive oggettive e soggettive

soggettive
eam mortem occubuisse

oggettive
Sertorium cervam assuefecisse
Dianae donum eam esse
seque ab ea moneri
se a cerva monitum esse
eum … tacere
sibi in somno apparuisse cervam

2. analizza il cum narrativo individuando il rapporto temporale con la reggente e il valore

cum imperaret: cum + congiuntivo imperfetto, rapporto di contemporaneità con la reggente espressa dal verbo praedicabat. Il suo valore è temporale

3. individua il doppio dativo, specificando qual è il dativo di fine e quale quello di vantaggio

ei magno usui fuit
ei: dativo di  fine
magno usui: dativo di vantaggio 

4. individua il complemento di qualità

eximiae pulchritudinis