Versione del libro Lingua Viva 1

Un padrone ucciso dai suoi schiavi

Pagina 410, versione 45, del libro Lingua viva 1.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

C. Plinius Acilio suo salutem dicit. Rem atrocem Larcius Macedo vir praetorius a servis suis passus est superbus alioqui dominus…

Traduzione Italiana

C. Plinio saluta il suo Acilio. Il pretore Larcio Macedone, padrone per altro superbo e crudele, e che ricordava troppo poco che suo padre era stato schiavo, ha subìto una cosa atroce dai suoi schiavi. Egli si lavava nella villa a Formia. All'improvviso gli schiavi lo circondarono. Uno colpì la gola, un altro la bocca, un altro il petto e il ventre, e un altro colpì anche le parti intime; e, pensandolo morto, lo buttarono sul pavimento bollente, per capire se fosse vivo. Egli, sia perché non sentiva, sia perché, pieno di terrore, fingeva di non sentire, stava immobile e tutti pensarono che egli fosse morto. Poi, come risvegliato dal calore, si risollevò egli stesso; avendolo preso i servi più fedeli, accorsero le stesse concubine con urla e clamore. Così, dopo esser stato rianimato dalle voci e ricreato dalla freschezza del luogo, alzò gli occhi, mosse il corpo e confessò - ormai era al sicuro -, di essere vivo. I servi fuggirono dalla casa; gran parte di questi furono catturati, gli altri furono ricercati. Egli stesso per pochi giorni fu a fatica rianimato e morì non senza il conforto di una vendetta, e vivo fu vendicato allo stesso modo in cui sono soliti essere vendicati coloro che sono uccisi.

 

Analisi

qui servisse patrem suus parum, immo nimium recordabatur: relativa / infinitiva oggettiva

cum exanimem putarent: cum narrativo con valore causale

ut experirentur an viveret: finale

quia non sentiebat: causale

quia se non sentire simulabat: causale

eum mortuum esse: infinitiva oggettiva

quem cum excepissent servi fideliores: cum narrativo con valore temporale

postquam et vocibus excitatus est et loci frigore recreatus est: temporali

vivere se: infinitiva oggettiva

ita ut qui occisi sunt vindicari solent: consecutiva