Versione del libro Lingua Viva 2

Alessandro Magno rischia la vita

Pagina 373, versione 4 del libro Lingua Viva 2.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Alexandro in tabernaculum relato medici lignum sagittae infixae corpori abscidunt ne spiculum moveretur. Corpore deinde nudato animadvertunt hamos inesse telo…

Traduzione Italiana

Portato Alessandro in una tenda, i medici tagliano il legno della freccia conficcata nel (suo) corpo in modo da non muovere la punta. Quindi, spogliatolo (più lett. messo a nudo il [suo] corpo), si accorgono che il dardo è provvisto di (più lett. che nel dardo vi sono) uncini e che non si può estrarre in altro modo se non allargando la ferita. Ma i medici temevano, incidendo il (suo) corpo, di provocare una forte perdita (effluvium) di sangue, perché il grosso dardo era penetrato fino agli organi interni (in viscera). Critobulo, medico che eccelleva nella sua arte (lett. d'arte eccellente fra i medici), ma (che) in una situazione così pericolosa (era) terrorizzato, temeva che un esito infelice dell'intervento gli fosse ascritto a colpa. Il re aveva notato che piangeva e che era impaurito e quasi livido dall'angoscia: «Che cosa aspetti? - disse - Perché non mi liberi il più presto possibile almeno da questo dolore, visto che devo morire? O pensi di essere incolpato tu, quando la ferita mortale l'ho ricevuta io?». Allora, o che la paura gli fosse passata o che l'avesse dissimulata, Critobulo esortava il re a farsi tenere (lett. a consentire di essere tenuto) fermo mentre estraeva la punta (della freccia). Il re offrì il (suo) corpo immobile (sine motu). Quando dunque la ferita fu alquanto allargata e la punta estratta, cominciò a sgorgare un gran fiotto di sangue e il re svenne (animo linquitur: presente storico). Poiché tentavano invano di fermare (lett. fermavano invano) l’emorragia con medicamenti, si levarono (oritur: presente storico concordato propriamente al solo clamor ma riferito anche a ploratus) il clamore e i lamenti degli amici, che credevano che il re fosse morto. Alla fine il (flusso) di sangue si arrestò e a poco a poco il re riprese i sensi e cominciò a riconoscere chi gli stava intorno.

 

Analisi

a. Rintraccia le proposizioni completive e verificane il valore.

ne... efficerent: completiva dipendente da un verbum timendi (verebantur).

 

ne... recideret: completiva dipendente da un verbum timendi (metuebat).

ut... praeberet: completiva volitiva.

b. Rintraccia gli ablativi assoluti e di ciascuno verifica il valore sintattico (causale, temporale, concessivo, ipotetico...).

Alexandro... relato: ablativo assoluto con valore temporale.

Corpore... nudato: ablativo assoluto con valore temporale.

vel finito vel dissimulato metu: ablativo assoluto con valore causale.

patefacto... vulnere et spiculo evulso: ablativi assoluti con valore temoporale.