Versione del libro Lingua Viva 2

Cesare incoraggia i soldati

Pagina 374, versione 5 del libro Lingua Viva 2.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Caesar ab superioribus consiliis depulsus omnem sibi commutandam belli rationem existimavit. Itaque uno tempore praesidiis omnibus deductis et oppugnatione dimissa…

Traduzione Italiana

Cesare, costretto a rinunziare ai precedenti propositi, ritenne di dover modificare l’intero piano di guerra. Così, ritirati in uno stesso momento tutti i presìdi, abbandonato l’assedio e raccolto l’esercito in un sol luogo, tenne un discorso ai soldati e li esortò a non sopportare di malanimo quanto era accaduto, a non spaventarsi per questi eventi e a confrontare questo solo insuccesso (adversum), e per di più di poco conto, con le molte battaglie favorevoli. Bisognava ringraziare la sorte, poiché avevano preso l’Italia senza alcuna perdita (più lett. ferita), poiché avevano pacificato le due Spagne contro comandanti straordinariamente abili ed esperti di popolazioni bellicosissime, poiché avevano ricondotto in loro potere le province confinanti, ricche di frumento; infine dovevano ricordare con quanta fortuna, in mezzo alle flotte nemiche, erano stati trasportati tutti incolumi, con non solo i porti, ma anche le coste presidiate (più lett. piene [di nemici]). Se non tutto andava per il verso giusto (lett. tutte le cose non avvenivano propizie), bisognava risollevare la sorte con l’impegno. Il danno che avevano subito doveva essere ascritto a colpa di chiunque ma non sua (più lett. di lui). Aveva scelto (più lett. dato) un luogo adatto per combattere, si era impadronito del campo dei nemici e aveva schiacciato e vinto gli avversari (lett. i combattenti).

 

Analisi

omne ratione... commutandam (esse): proposizione infinitiva con valore oggettivo e verbo in coniugazione perifrastica passiva.

praesidiis omnibus deductis et oppugnatione dimissa coactoque...exercitu: ablativi assoluti con valore temporale.

quae accidissent: proposizione relativa.

ne... ferrent neve... terrentur et...opponerent: proposizioni completive volitive.

Habendam esse fortunae gratiam...: oratio obliqua.

quod... cepissent, quod... pacavissent, quod... redegissent: proposizioni causali.

recordari debere: oratio obliqua.

qua... essent transportati: proposizione comparativa.

Si non... caderent: proposizione condizionale.

esse... sublevandam: coniugazione perifrastica passiva in oratio obliqua.

Quod esset acceptum: proposizione relativa in oratio obliqua.

ad dimicandum: proposizione finale espressa con ad+accusativo del gerundio.

dedisse... potitum esse... expulisse ac superasse: oratio obliqua.