Versione del libro Lingua Viva 2

Fiere parole di un vinto

Pagina 122, versione 2 del libro Lingua Viva 2.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Priverno capto interfectisque iis qui id oppidum ad rebellandum incitaverunt senatus indignatione accensus consilium agitabat quidnam sibi de reliquis quoque…

Traduzione Italiana

Presa Priverno e uccisi coloro che avevano istigato quella città a ribellarsi, il Senato, acceso d'ira, discuteva che cosa mai dovesse fare degli altri Privernati. La loro salvezza versava dunque nell'incertezza (ancipiti... casu... versabatur), soggetta in quell'occasione e ai vincitori e alla loro ira (lett. e ai vincitori e a persone irate). Pur capendo che l'unica risorsa consisteva nelle preghiere, non poterono dimenticare di essere per sangue liberi e Italici (lett. dimenticare il sangue libero e italico): difatti il loro capo, interrogato in Senato (su) quale punizione meritassero, rispose: «(La punizione) che meritano coloro che si ritengono degni della libertà». Così aveva fatto delle sue parole altrettante armi (lett. aveva impugnato le armi con le parole) e aveva infiammato gli animi esasperati dei padri coscritti. Ma il console Plauzio, favorevole alla causa dei Privernati, offrì una via d'uscita alla sua coraggiosa dichiarazione e chiese quale pace i Romani avrebbero stipulato con loro una volta concessa l'impunità. Ma quello, con atteggiamento fierissimo, disse: «Se ci darete una buona pace, eterna, se cattiva, non durevole». Conseguenza di queste parole fu che (lett. Con questa dichiarazione si arrivò all'esito che) ai vinti venne concesso non solo il perdono, ma addirittura il diritto e il beneficio della nostra cittadinanza.

 

Analisi

a. Individua le proposizioni interrogative indirette e e analizzane la consecutio temporum.

quidnam sibi de reliquis quoque Privernatibus esset faciendum: anteriorità (piuccheperfetto congiuntivo in dipendenza da tempo storico).

quam poenam mererentur: contemporaneità (imperfetto congiuntivo in dipendenza da tempo storico).

qualem cum eis Romani pacem habituri essent: posteriorità (participio futuro + essem, esses... in dipendenza da tempo storico).

b. Individua e analizza il gerundio.

rebellandum: accusativo del gerundio di rebello, as, avi, atum, are, 1°.

c. Individua la perifrastica passiva e specifica se ha costruzione personale o impersonale.

esset faciendum: forma impersonale.

d. Individua la perifrastica attiva e indicane la sfumatura di significato.

habituri essent: è usata in questo caso per indicare posteriorità nell'interrogativa indiretta.