Versione del libro Lingua Viva 2

Inconvenienti delle votazioni a scrutinio segreto

Pagina 320, versione 29 del libro Lingua Viva 2.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

C. Plinius Maesio Maximo suo s(alutem). Scripseram tibi verendum esse ne ex tacitis suffragiis vitium aliquod exsisteret. Factum est; proximis…

Traduzione Italiana

Gaio Plinio invia i suoi saluti al caro Mesio Massimo. Ti avevo scritto che c’era da temere che dalle votazioni a scrutinio segreto (tacita suffragia) saltasse fuori qualche guaio. (Così) è avvenuto; negli ultimi comizi in alcune schede (si sono trovate) molte battute spiritose e persino sconcezze (lett. cose vergognose a dirsi) e in una, poi, al posto dei nomi dei candidati - chi potrebbe crederci? - sono stati trovati i nomi dei loro fautori. Il Senato s’infiammò (di sdegno) e invocò a gran voce l’ira dell’imperatore contro chi aveva scritto (quelle battute). Magari fosse stato trovato! Invece è passato inosservato ed è rimasto ignoto, forse era (lett. fu) addirittura tra gli indignati. Che cosa possiamo pensare che faccia nella vita privata (lett. a casa) colui che in un momento (o anche: in una materia) così importante, in una circostanza così seria, si diverte in modo tanto sguaiato, che insomma, per dirla in breve (omnino), fa il sarcastico e lo spiritoso in Senato. Tanta sfrenatezza ingenera nelle indoli depravate quella ben nota fiducia: «Chi lo verrà a sapere (lett. saprà)?». Allora davvero si sarebbe (lett. avresti) potuto vedere quello sfrontato che ha chiesto le schede, ha preso lo stilo, ha chinato il capo, non ha avuto paura di nessuno e ha disprezzato se stesso. Da qui (nascono) queste beffe degne di un palcoscenico e di un teatro (endiadi = del palcoscenico di un teatro). Da che parte voltarsi? Che rimedi cercare (lett. potresti voltarti… cercare)? Dovunque i mali sono più potenti dei rimedi. Confidiamo dunque nel nostro imperatore, a cui ogni giorno procura un aggravio di fatica (multum… laboris) la nostra sterile ma sfrenata impudenza. Stammi bene.

 

Analisi

verendum esse (hoc): proposizione infinitiva con valore oggettivo.

ne... existere: proposizione completiva con valore dichiarativo.

quis... putet?: proposizione interrogativa diretta.

qui scripsisset: proposizione relativa.

Quid... putemus: proposizione interrogativa diretta.

(eum) facere: proposizione infinitiva con valore oggettivo.

qui... ludit... qui... urbanus est: proposizioni relative.

Quis... sciet?: proposizione interrogativa diretta.

qui poposcit... accepit... demisit... veritus est... contempsit: proposizioni relative.

Quo... vertas?: proposizione interrogativa diretta.

quae... conquiras?: proposizione relativa.

cui... adicit: proposizione relativa.