Versione del libro Lingua Viva 2

La dignità del saggio di fronte al dolore

Pagina 257, versione 7 del libro Lingua Viva 2.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

In hoc flectendi sumus ut omnia vulgi vitia non invisa nobis sed ridicula videantur et Democritus nos iuvet potius quam…

Traduzione Italiana

Dobbiamo persuaderci di questo, perché tutti i vizi del volgo ci sembrino non odiosi, ma ridicoli, e ci giovi Democrito piuttosto che Eraclito: questo, infatti, ogni volta che usciva (lett. era uscito) in pubblico, piangeva, quello rideva; a questo tutte le cose che facciamo parevano miserie, a quello sciocchezze. Tutte le cose vanno quindi ridimensionate e sopportate con buona disposizione d’animo (facili animo): è più da uomini (humanius) ridere della vita che piangerne. Aggiungi che giova di più anche al genere umano chi ne ride piuttosto che chi (ne) piange: l’uno lascia ancora una speranza (aliquid sperat: spera qualcosa), l’altro, invece, piange stoltamente su cose che dispera si possano migliorare. Ma è meglio accettare tranquillamente i comportamenti di tutti (publici mores) e i vizi umani e non ridere di essi né piangerne troppo: infatti dolersi dei mali altrui è un’infelicità eterna, rallegrarsi dei mali degli altri un piacere disumano. Anche durante i propri momenti difficili (in suis… malis) il saggio deve comportarsi in modo da concedere al dolore quanto richiede la natura, non quanto (richiede) la consuetudine. I più, infatti, versano lacrime per ostentar(le), (mentre) tengono gli occhi asciutti tutte le volte che sia venuto meno uno spettatore, ritenendo vergognoso non piangere per quelle cose per cui piangono tutti. Anche una cosa sincerissima, il dolore, cade nella finzione, né questo ci rincresce!

 

Analisi

a. Individua le forme del verbo videor e analizzale.

videantur: congiuntivo presente, III persona plurale.

videbantur: indicativo imperfetto, III persona plurale.

b. Indica se le forme del verbo videor analizzate hanno costruzione personale o impersonale.

Hanno costruzione personale.

c. Rintraccia il verbo assolutamente impersonale.

pudet.