Versione del libro Lingua Viva 2

Occorre rispettare le decisioni dei governanti

Pagina 288, versione 25 del libro Lingua Viva 2.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Magistratibus igitur utendum est iisque opus est quia sine eorum prudentia atque diligentia esse civitas non potest eorumque descriptione omnis…

Traduzione Italiana

Bisogna dunque ricorrere ai magistrati e v'è bisogno di essi, perché senza la loro prudenza e diligenza non può esistere uno Stato, e (perché) sul loro ordinamento si fonda l'intero governo dello Stato. Occorre stabilire non soltanto un limite al loro potere, ma anche un limite all'obbedienza dei cittadini (lett. per essi un limite di governare... per i cittadini un limite di obbedire). Infatti è inevitabile che chi ben comanda dovrà un giorno o l'altro essere sottomesso (lett. sarà stato sottomesso), e chi obbedisce assennatamente appare degno di governare in futuro. Bisogna pertanto che chi obbedisce abbia speranza di potere un giorno comandare, e che chi ha conseguito il potere (qui rerum potitus est) pensi che a breve dovrà essere sottoposto (ad altri). Né prescriviamo soltanto che i cittadini siano sottomessi e obbediscano ai magistrati, ma anche che li onorino e amino. A buon diritto, dunque, il nostro Platone ritiene assimilabili ai Titani coloro che si oppongono ai magistrati, perché sono simili a quelli che si opponevano ai celesti (= agli dèi).

 

Analisi

a. Individua e analizza i verbi che reggono l'ablativo.

utendum est: perifrastica passiva del verbo utor, uteris, usus sum, uti.

potitus est: indicativo perfetto III persona singolare del verbo potior, potiris, potitus sum, potiri.  

b. Individua e analizza le costruzioni di opus est e di dignus.

iisque opus est: opus est è qui costruito impersonalmente, con la cosa di cui si ha bisogno in dativo.

dignus esse: regge qui la relativa impropria qui aliquando imperet, che assume valore consecutivo.

c. Individua e analizza i seguenti costrutti: proposizioni completive, relative, causali e infinitive; costruzione di videor.

quia... non potest... continetur: proposizioni causali.

qui bene imperat: proposizione relativa.

qui modeste paret: proposizione relativa.

dignus esse videtur: costruzione personale del verbo videor cui è legata una infinitiva con il soggetto al nominativo. 

qui aliquando imperet: proposizione relativa impropia con valore consecutivo retta da dignus esse.

qui paret: proposizione relativa.

eum... sperare: proposizione infinitiva con valore soggettivo.

se... imperaturum esse: proposizione infinitiva con valore completivo.

qui rerum potitus est: proposizione relativa.

illum... cogitare: proposizione infinitiva con valore soggettivo.

esse parendum: proposizione infinitiva con valore completivo.

ut... obtemperent oboediantque: proposizioni completive.

ut... colant diligantque: proposizioni completive.

qui adversantur: proposizione relativa.

quia... sunt: proposizione causale.

qui... adversabantur: proposizione relativa.