Versione del libro Lingua Viva 2

Prime forme di teatro a Roma

Pagina 224, versione 19 del libro Lingua Viva 2.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Et hoc anno et insequenti C. Sulpicio Petico C. Licinio Stolone consulibus pestilentia fuit. Eo nihil dignum memoria videtur actum…

Traduzione Italiana

In quell'anno e nel successivo, durante il consolato di Gaio Sulpicio Petico e Gaio Licinio Stolone, vi fu una pestilenza. Perciò sembra non fu compiuta alcuna azione degna di essere ricordata, se non che, per implorare la pace degli dèi, si tenne (fuit) allora per la terza volta dopo la fondazione della città un banchetto sacrificale. E poiché la violenza dell'epidemia non si attenuava né con rimedi umani né con l'aiuto divino, essendo gli animi dominati dalla superstizione, si dice che fra gli altri tentativi di placare l'ira divina fossero stati istituiti anche gli spettacoli teatrali, cosa nuova per un popolo guerriero; ma si trattò di un'iniziativa modesta, come in genere tutte le cose al loro inizio, e importata dall'estero. Senza alcun testo poetico, senza gesti per mimare testi poetici, ballerini fatti venire dall'Etruria, danzando al ritmo del flauto, assumevano movenze non scomposte secondo l'uso estrusco. I giovani Romani iniziarono quindi a imitarli, scambiandosi (inter se... fundentes) battute con rozzi versi; né i gesti apparivano discordanti dalle parole (a voce). La cosa, quindi, fu accolta e, con l'uso ripetuto, divenne abituale.

 

Analisi

nihil... actum esse: proposizione infinitiva con valore soggettivo dipendente dal verbo videtur usato impersonalmente.

nisi quod... fuit: proposizione ipotetica con valore esecutivo-dichiarativo.

pacis deorum exposcendae causa: proposizione finale espressa con causa+genitivo del gerundivo.

cum... levaretur: proposizione narrativa con valore causale.

victis... animis: ablativo assoluto con valore causale.

ludi quoque scaenici... instituti esse: costrutto del nominativo+infinito in dipendenza da dicuntur usato personalmente, con cui viene espressa una proposizione infinitiva soggettiva.