Versione del libro Lingua Viva 2

Severità di Papirio Cursore

Pagina 208, versione 7 del libro Lingua Viva 2.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Iam Romani potentes esse coeperunt. Bellum enim in centesimo et tricesimo fere miliario ab Urbe apud Samnites gerebatur qui medii…

Traduzione Italiana

I Romani già cominciavano (lett. cominciarono) a essere potenti. Infatti, sostenevano una guerra a circa trecento miglia (lett. alla trecentesima pietra miliare circa) dall’Urbe, presso i Sanniti, che si trovano fra il Piceno, la Campania e la Puglia e odiavano i Romani. Lucio Papirio Cursore, dopo esser partito per quella guerra con la carica di dittatore, prese a condur(la) con gran rigore. Questi, dovendo tornare a Roma, ordinò a Quinto Fabio Massimo, comandante della cavalleria, che aveva lasciato a capo (lett. presso) dell’esercito, di non combattere in sua assenza. Egli conosceva la severità del dittatore ma, colta l’occasione, volle combattere e sbaragliò i Sanniti. Condannato a morte dal dittatore per questo motivo, perché aveva combattuto contro il suo divieto, fu liberato grazie all’immenso favore dei soldati e del popolo. Infatti si levò contro Papirio una tale sedizione che per poco lui stesso non fu ucciso.

 

Analisi

a. Individua e analizza il composto di eo.

rediret: congiuntivo imperfetto attivo, III persona singolare di redeo, redis, redii, reditum, redire.

b. Individua e analizza il composto di facio al passivo.

interficeretur: congiuntivo imperfetto passivo, III persona singolare di interficio, interficis, interfeci, interfectum, interficere.

c. Individua e analizza i verbi difettivi.

coeperunt: indicativo perfetto, III persona plurale di coepi.

oderant: indicativo piuccheperfetto, III persona plurale di odi, odisti, odisse.

coepit: indicativo perfetto, III persona singolare di coepi.