Versione del libro Lingua Viva 2

Sfida tra Apelle e Protogene

Pagina 366, versione 18 del libro Lingua Viva 2.

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Protogenes Rhodi vivebat quo cum Apelles adnavigasset avidus cognoscendi opera eius fama tantum sibi cogniti continuo officinam petiit. Aberat ipse…

Traduzione Italiana

Protogene viveva a Rodi, dove Apelle, appena sbarcato (lett. dopo essere arrivato per mare), ansioso di conoscere le opere di quell’artista (eius), che gli era noto soltanto di fama, subito si diresse verso la (sua) bottega. Egli era assente, ma una vecchia custodiva da sola un quadro di notevole grandezza posto sul cavalletto. Ella rispose che Protogene era fuori e chiese da chi dovesse dire che (egli) era stato cercato. «Da costui», disse Apelle e, preso un pennello, tracciò nel quadro una linea colorata (ex colore: col colore) di straordinaria sottigliezza. Tornato Protogene, la vecchia gli riferì ciò che era successo. Raccontano che l’artista, osservata la sottigliezza (della linea), dapprima disse che era venuto Apelle, infatti un lavoro così perfetto non era attribuibile (lett. veniva attribuito) a un altro; poi, all’interno di quella (in ipsa), tracciò una linea più sottile di altro colore e, andandosene, (le) parlò: se quello fosse tornato, (ella) avrebbe dovuto mostrargliela e aggiungere che questa era la persona che cercava. E così avvenne. Infatti Apelle ritornò e, vergognandosi di essere stato vinto, con un terzo colore intersecò le linee non lasciando più spazio (nullum… amplius locum: alcuno spazio più ampio) a un tratto (più) sottile (subtilitas). Ma Protogene, riconoscendosi vinto, si precipitò al porto cercando l’ospite, e decise, così com’era (sic), di lasciare ai posteri quel quadro (lett. gli piacque che quel quadro fosse lasciato ai posteri) per la meraviglia di tutti, ma soprattutto degli artisti (lett. per la meraviglia di tutti, ma per la meraviglia particolare degli artisti).

 

Analisi

a. Individua le due proposizioni espresse all'oratio obliqua. Sono enunciative o volitive?

Haec foris esse Protogenem respondit interrogavitque a quo quaesitum esse diceret: sono enunciative.

b. Trasforma le due proposizioni individuate in discorso diretto.

Haec respondit: "Protogenes foris est" et interrogavit: "Quis quaerit eum?".

c. Individua il participio congiunto in caso dativo.

Reverso.