Versione del libro Lingua Viva 2

Spedizione di Cesare contro i Sènoni

Pagina 29, versione 39 del libro Lingua Viva 2

Di questo libro trovi tutte le versioni tradotte e le analisi svolte!

Testo Originale Latino

Caesar nondum hieme confecta proximis quattuor coactis legionibus de improviso fines Nerviorum contendit qui aut convenire aut profugere non potuerunt…

Traduzione Italiana

Prima ancora che l’inverno finisse, Cesare, riunite le quattro legioni più vicine, partì improvvisamente alla volta dei Nervi, che non poterono radunarsi o fuggire perché egli, catturato un gran numero di uomini e capi di bestiame, preda che concesse ai soldati (lett. e concesso del bottino ai soldati), devastati i (loro) campi, li costrinse ad arrendersi e a consegnargli ostaggi. Liquidata rapidamente la questione, ricondusse le legioni nei quartieri invernali. Indetta in primavera, secondo quanto aveva istituito, l’assemblea generale dei popoli di Gallia (lett. il concilio della Gallia), poiché erano intervenuti tutti tranne i Senoni, i Carnuti e i Treveri, ritenendo che questo fosse un chiaro segno (lett. indizio) di defezione e di ostilità, trasferisce il concilio a Lutezia, città dei Parisi. Questi erano confinanti con i Senoni ed erano stati uniti con loro in un unico Stato al tempo (memoria) dei progenitori comuni, ma si riteneva che fossero estranei a questo complotto. Annunziato dalla tribuna il cambiamento di sede (lett. questa notizia), Cesare si dirige nel paese dei Senoni e vi giunge a marce forzate.

 

Analisi

hieme confecta: ablativo assoluto.

coactis legionibus. ablativo assoluto.

qui... non potuerunt: proposizione relativa.

magno... capto atque praeda... concessa ...-que vastatis agris: ablativi assoluti.

quia... coegit: proposizione causale.

confecto negotio: ablativo assoluto.

Concilio... indicto: ablativo assoluto. 

ut... instituerat: proposizione modale.

quia... venerant: proposizione causale.

hoc esse: proposizione infinitiva con valore oggettivo.

arbitratus: proposizione causale espressa dal modo participio.

hoc... afuisse: proposizione infinitiva con valore oggettivo. 

Hac re... pronuntiata: ablativo assoluto.